Coronavirus e decreto legge scuola, bozza contraddittoria su recupero tempo scuola e nomina precari

NewTuscia – PALERMO – Riceviamo e pubblichiamo.

Le lezioni potrebbero iniziare prima per recuperare gli apprendimenti, ma si introduce l’obbligo della didattica a distanza, possibili retrodatazioni giuridiche per immissioni in ruolo, ma si rinvia aggiornamento delle graduatorie di istituto da cui chiamare i supplenti, rinvio elezioni CSPI senza ma si superano i pareri, si bandiscono i concorsi ma senza espletarli. Così come è per Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, bisogna riscriverlo punto per punto: “La comunità educante, le famiglie hanno risposto all’appello del Governo, non può essere ignorato il lavoro svolto. I precari sono stati accanto agli studenti, non possono essere ignorati”. Le rappresentanze democratiche della scuola possono essere rinnovate e devono essere ascoltate non ignorate. Speriamo che il testo sia uno scherzo in ritardo, magari, ieri era il 1° aprile.

 

PER APPROFONDIMENTI:

CORONAVIRUS – Tanti docenti precari fanno didattica a distanza senza strumentazioni e connessioni adeguate. Anief: carta del docente anche a loro e in estate mettiamoli in ruolo

CORONAVIRUS – Scuole chiuse forse fino a maggio, docenti e alunni hanno bisogno di certezze

CORONAVIRUS – Didattica a distanza, confermato il supplente anche se rientra il docente titolare

SCUOLE CHIUSE – Pulizia straordinaria, controlli revisori e didattica a distanza: il ministero spiega come si svolgeranno

CORONAVIRUS – In arrivo nuovo Dpcm che conferma le chiusure almeno fino a Pasqua. Anief: lo avevamo detto a metà febbraio

CORONAVIRUS E DIDATTICA A DISTANZA – Si va verso il recupero del tempo scuola

 

2 aprile 2020