“Bene la didattica online, sebbene manchi il contatto umano con gli studenti”

NewTuscia – VITERBO – “Bene la didattica online sebbene manchi il contatto umano con gli studenti”. Paola Bugiotti, Dirigente scolastica dell’ITE Paolo Savi, per la rubrica “La scuola ai tempi del COVID-19, racconta all’Associazione SuperAbile Viterbo, come l’istituto sta adattando i programmi per far fronte all’emergenza coronavirus.

“Stiamo vivendo una situazione che non si è mai verificata prima – puntualizza Paola Bugiotti -. Tutti in sede stiamo lavorando per alleviare il più possibile i disagi per l’utenza. Tutte le scuole si sono organizzate in modo da limitare il contatto diretto tra persone. I docenti effettuano la didattica a distanza, attraverso l’utilizzo di piattaforme che consentono la fruizione di lezioni e materiali in modalità sincrona o asincrona. Il personale di segreteria e i dirigenti scolastici lavorano da remoto, in smart working.

Si va a scuola soltanto per esigenze indifferibili (ad esempio per consegnare devices agli studenti) e con le opportune cautele di distanziamento e protezione. Le scuole quindi sono chiuse fisicamente ma si continua a lavorare per garantire il diritto allo studio. Speriamo di poter riaprire presto perché la didattica ha bisogno comunque del rapporto diretto docente – allievo. In tutto questo però cerchiamo di vedere il lato positivo della vicenda che ha dato un notevole impulso all’utilizzo di metodologie didattiche innovative, prima utilizzate solo in parte. Ma la cosa negativa è la mancanza del contatto personale. Il rapporto diretto, quello umano con gli studenti ci manca e non vediamo l’ora di tornare alla normalità”.