UNITUS nell’emergenza Coronavirus: uno spazio di ascolto psicologico per gli studenti e nuovi strumenti per l’apprendimento dei DSA

NewTuscia – VITERBO – L’Università degli Studi della Tuscia, in collaborazione con la ASL, sta offrendo alla comunità studentesca un servizio di counselling psicologico in modalità telematica.  L’iniziativa, attivata in questi giorni di emergenza di Coronavirus, prevede un ciclo di colloqui a distanza, con psicologi afferenti alla ASL di Viterbo, erogati offrendo la massima tutela della privacy e nel rispetto dei principi deontologici della professione psicologica. Il servizio è gratuito, e costituisce un’estensione e un potenziamento dello spazio di counseling psicologico attivo già da gennaio 2020. Il servizio permetterà anche di compiere azioni di orientamento sulle tipologie di richieste. Qualora le questioni si configurassero come specifiche di altri ambiti, come ad esempio l’orientamento rispetto alla didattica on line per gli studenti, oppure in presenza di specifiche richieste relative a tematiche strettamente sanitarie, gli utenti saranno indirizzati verso altri servizi più idonei, interni o esterni, ad Unitus.

È stata altresì avviata la procedura amministrativa per l’acquisto del font Easyreading, carattere tipografico, che supera le barriere di lettura anche per chi è dislessico. Il font sarà installato su tutti i PC di Ateneo e predefinito per lo svolgimento delle varie attività e-learning.

Infine, i tutor che svolgono la loro attività a favore degli studenti disabili e DSA, coerentemente alle indicazioni ricevute dai referenti di dipartimento presso la commissione inclusione ed equità, verranno in tempi brevi formati per via telematica dagli psicologi ASL, come previsto dalla convenzione stipulata tra la ASL di Viterbo e l’Unitus, in modo che possano iniziare la loro attività di sostegno a distanza.

Università della Tuscia