Il sindaco Ghinassi sulla sicurezza sul tratto urbano della Cassia

loading...

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – Riceviamo e pubblichiamo da Giordano Sugaroni.

Il tratto della S.R. Cassia compreso nel centro abitato di Acquapendente è contemporaneamente una strada di scorrimento ed una strada urbana con numerosi attraversamenti. Ciò determina criticità in più punti.

L’Amministrazione Comunale, consapevole del problema, ha sempre avuto cura della segnaletica orizzontale e verticale per ridurre il pericolo per i pedoni. C’è per il mese di marzo un impegno dell’ANAS per l’asfaltatura della strada, dopo il quale sarà immediatamente ripristinata, e se possibile migliorata, la segnaletica orizzontale, con particolare cura sugli attraversamenti e sugli incroci. Allo stato attuale gli attraversamenti pedonali sono comunque visibili, sia per gli automobilisti, sia per i pedoni. È in corso un lavoro di rifacimento dell’illuminazione pubblica, il cui progetto prevede una migliore illuminazione di tutti i passaggi pedonali sulla viabilità veicolare.

L’Amministrazione Comunale, recentemente ma anche negli anni passati, più volte ha segnalato ad altri enti competenti in materia (Regione, Astra, ANAS, Prefettura, ecc.) che c’è anche un problema di eccessiva velocità dei veicoli, i quali non sempre rispettano il limite, chiedendo autovelox o altre soluzioni, che non sono mai state accordate. Ci sono comunicazioni firmate dai sindaci e dal comando di polizia locale che attestano questo interessamento. Perciò l’Amministrazione ha sempre agito per quanto di competenza e rappresentando le esigenze locali presso altri soggetti responsabili.

Gli incidenti il più delle volte avvengono per responsabilità attribuibili ai singoli individui.  Ciò non significa che la parte pubblica non debba fare la sua parte.

La situazione attuale, che non è ottimale ma meno disastrosa di come viene descritta, sarà comunque presto migliorata, sicuramente per quanto ci compete. Facciamo a Michelangelo (ci scusiamo per il tono poco istituzionale ma lo conosciamo e gli vogliamo bene pure noi) un augurio di pronta guarigione.