Industria italiana in crisi. Confintesa Metalmeccanici: “Le tute blu tornino in piazza o economia muore”.


NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. L’industria Italiana, dal punto di vista della produttività, è ormai al collasso. Causa delocalizzazioni e concorrenza straniera, infatti, dalla GDO all’erospace passando per l’automotive, tutti i settori produttivi stanno annaspando in modo preoccupante, con un numero paventoso di vertenze aziendali in corso.
A commentare questo quadro allarmante è Giustino D’Uva, segretario nazionale dei Metalmeccanici di Confintesa: “Purtroppo l’industria italiana sta attraversando un periodo disastroso, che non è tanto da ascrivere alla contrazione economica che pure sta lasciando il segno, quanto alle scelte delle grandi multinazionali che stanno progressivamente abbandonando l’Italia, volgendosi verso lidi economicamente più profittevole.

In queste condizioni, stante l’assoluta impotenza dei governi, l’unica speranza per L’Italia sono gli operai metalmeccanici.
Un tempo le manifestazioni delle tute blu mettevano in crisi anche le grandissime aziende, fungendo da presidio di garanzia dei diritti dei lavoratori; oggi purtroppo le dimostrazioni di piazza sono, salvo qualche eccezione, un ricordo del passato; eppure è negli operai il futuro della nostra economia, altrimenti la produzione nazionale è destinata a perire ed a portare con sé l’intero Paese”.