Casino online alla base delle dipendenze degli adolescenti

NewTuscia – La dipendenza dal gioco d’azzardo è un problema molto sentito, che non riguarda soltanto gli adulti, e determinate categorie o le fasce deboli della popolazione, ma anche gli adolescenti.

I dati allarmanti diffusi dall’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma, relativi a una ricerca effettuata dalla Caritas della capitale, parlano proprio del rapporto tra gli adolescenti e il gioco d’azzardo.

I casinò online con le loro app accessibili ovunque, sono tra le principali cause che sembrano avvicinare i minorenni di età compresa tra i 13 e i 17 anni, al gioco d’azzardo.

A differenza delle sale slot, in cui ci si deve recare fisicamente, infatti i casinò online legali AAMS possono essere accessibili da app, e portati facilmente ovunque, fuori dal controllo degli adulti.

La realtà iper-connessa in cui i giovani vivono, e la relativa facilità in cui riescono ad accedere al gioco a distanza impone problematiche nuove che non sempre si è in grado di affrontare.

Il problema richiede molta attenzione, soprattutto da parte di genitori spesso ignari e insegnanti non preparati a queste tematiche. Proprio a loro è indirizzata una guida redatta dall’Ospedale che può essere d’aiuto a tutti gli adulti per imparare a riconoscere i segnali di rischio per i ragazzi.

L’ospedale ha anche attivato un punto di contatto per richiedere aiuto, sulle dipendenze giovanili legate al gioco, agli specialisti del reparto di neuropsichiatria infantile.

 

Segnali di dipendenza dai casinò online per i minorenni

Ma quali sono i segnali da riuscire a cogliere per scoprire la dipendenza dal gioco? Non è solo la possibilità di accesso ai casinò online a generare una dipendenza.

I meccanismi di dipendenza da gioco d’azzardo sono molto simili a quelli che vengono messi in atto da altri tipi di dipendenza.

Gli elementi ricorrenti nella ludopatia sono quattro:

  1. Craving: si tratta del desiderio incontrollabile e improvviso di giocare.
  2. Astinenza: uno stato di sofferenza generato dalla mancanza del gioco.
  3. Assuefazione: l’abitudine al gioco, che ne determina la dipendenza.
  4. Gambling: l’insieme di due tendenze, sovrastimare le proprie capacità di gioco o previsione, sottostimare l’esborso monetario.

È difficile dire come nasce una dipendenza dal gioco, dato che i fattori la determinano possono essere molteplici, e variano da individuo a individuo. Si può parlare di un mix tra vari fattori, a partire da quelli biologici. Già a livello cerebrale infatti i circuiti coinvolti nel gioco vengono ingannati e reagiscono come se le azioni di gioco fossero necessarie e inevitabili.

Altri fattori sono di natura psicologica. Tra questi va considerato lo scarso autocontrollo, caratteristica tipica del periodo dell’adolescenza.

 

Impedire l’accesso ai casinò online non funziona

Nelle pratiche di gioco che generano dipendenza, vi sono anche fattori ambientali. Primo tra tutti vi è il contesto economico e sociale in cui gli adolescenti vivono, e l’esistenza di altre dipendenze nel loro ambiente. L’accessibilità ai casinò online legali AAMS praticamente ovunque e con qualunque dispositivo, fa il resto.

Molto importante il ruolo dei genitori e degli insegnanti, che non dovranno limitarsi a impedire l’accesso ai casinò online AAMS, cosa tra l’altro molto complicata.

Sarà importante prestare attenzione a determinati segnali lanciati inconsapevolmente dal minore, come ansia, aggressività, irritabilità. Il percorso di liberazione dalla dipendenza non sarà semplice e potrebbe servire l’aiuto di uno psicoterapeuta e di un percorso sia personale che familiare. Il semplice proibizionismo, portare via smartphone e tablet per evitare l’accesso ai casinò online legali AAMS, potrebbe invece avere effetti controproducenti, dato che i ragazzi tenderanno ad allontanarsi, cercando altre modalità di gioco altrove, ancora più lontani dal controllo genitoriale.