“Agro Pontino: un’impresa di lavoro e libertà”. Conferenza a Latina

NewTuscia – LATINA – La realtà economia del territorio pontino è rappresentata anche da numerose aziende che operano nel settore dell’agroalimentare, esempi virtuosi di sviluppo economico e di produzioni di elevata qualità che in buona parte vengono vendute con successo sui mercati esteri, fino a costituire una voce importante dell’export nazionale. Questa interessante realtà è caratterizzata e resa possibile dalla grande integrazione di lavoratori stranieri impegnati in agricoltura nei campi dell’Agro Pontino, un quadro che troppo spesso viene invece oscurato per dare spazio a facili generalizzazioni relative allo sfruttamento ed alla emarginazione di tali lavoratori.

In un’ottica di collaborazione e impegno territoriale, riaffermando comunque la ferma condanna di ogni forma di sfruttamento di manodopera nei campi, a cui si collega l’odioso fenomeno del caporalato, nei mesi scorsi è stata condotta un’inchiesta su questa realtà da cui è emerso un quadro di integrazione sociale e lavorativa dei braccianti agricoli della provincia. L’iniziativa, promossa dall’europarlamentare Nicola Procaccini, membro della Commissione Agricoltura di Bruxelles, ha portato alla raccolta di  dati e considerazioni, corredati da un breve video che racconta questi aspetti di vita economica e sociale che sono uno straordinario valore aggiunto per l’intero territorio pontino ma che, troppo spesso, vengono sottaciuti per dare invece spazio ed eccessiva amplificazione soltanto a episodi di sfruttamento del lavoro nei campi.

Ne parleranno esperti del settore con la presenza istituzionale dell’ambasciatrice indiana in Italia e San Marino, Reenat Sandhu.