PA, Ugl Autonomie: “Aran intervenga su Sindaco Villa Santo Stefano”

NewTuscia – VILLA SANTO STEFANO – “Tanti, troppi i problemi dal risolvere per i lavoratori del Comune di Villa Santo Stefano (FR), ma il Sindaco, Giovanni Iorio, non ha mai convocato le Rsu legittimamente elette, nonostante le continue richieste d’incontro effettuate al fine di sciogliere tutti i nodi da affrontare dall’Ente. Chiediamo all’Aran di intervenire”.

Questa la segnalazione del segretario nazionale UGL Autonomie, Michela Toussan, in merito alle lettere che il vice segretario nazionale Loredano Bertaiola e la responsabile territoriale di Frosinone, Antonella Pulciani, hanno già inoltrato, oltre che allo stesso Sindaco di Villa Santo Stefano, anche “al Prefetto di Frosinone, Ignazio Portelli, al presidente dell’Anci Lazio, Riccardo Varone, al ministro della Funzione Pubblica, Fabiana Dadone, nella speranza di un intervento risolutivo che potesse far avviare un normale e corretto confronto tra la rappresentanza sindacale e l’Ente”.

Le richieste dell’UGL Autonomie al Sindaco di Villa Santo Stefano riguardano “le mansioni richieste ai lavoratori non sono in linea con il profilo con il quale sono stati assunti; la mobilità in uscita e in entrata degli stessi; la costituzione del fondo integrativo e una proposta di ripartizione che tenga conto dei pareri di Aran e Corte Costituzionale ad integrazione del fondo stesso, rendendolo aderente alle novazioni normative e riportando ciò che è parte stabile, parte variabile e quali le cifre che non fanno parte del tetto previsto, unitamente ai contratti decentrati degli ultimi 5 anni, di fatto mai stipulati; un report dettagliato sulla corresponsione dell’indennità di risultato dei responsabili di servizio per il periodo 2014–2018; il confronto sul nuovo contratto nazionale sottoscritto a maggio 2018 con tutti gli istituti in esso riportati, compresi le progressioni orizzontali, il fabbisogno triennale del personale e le problematiche della gestione ordinaria del lavoro”.