Comune di Orte, problemi informatici nella trasmissione delle bollette Tari

NewTuscia – ORTE – Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato del Comune di Orte sull’imposta per la raccolta e lo  smaltimento dei rifiuti.

“Cari cittadine e cari cittadini,

intendo portarvi a conoscenza del fatto che il ritardo con il quale sono state recapitate le bollette TARI 2019 è dipeso da problemi informatici e di trasmissione delle cartelle all’ufficio postale. Per questi motivi nelle cartelle di pagamento è stato riportato in grassetto l’avviso con il quale si precisa che laddove la ricezione sia avvenuta oltre la scadenza della prima rata è ammesso il relativo pagamento entro i 15 gg successivi senza interessi o sanzioni.

Orte veduta dall’alto

È possibile che l’ufficio postale non abbia ancora recapitato le cartelle esattoriali, in questo caso  sarà consentito a coloro che ne sono sprovvisti di poter pagare la prima rata in abbinamento alla seconda, che scade il 31/01/2020, senza interessi o sanzioni.

Inoltre tutti i cittadini che non hanno ancora la cartella possono ritirare il duplicato presso l’ufficio tributi del comune di Orte, ovvero richiedere il duplicato tramite mail a: tributi@comuneorte.vt.it

I tanti vituperati e sbandierati aumenti altro non sono che adeguamenti fisiologici nella cartella che oscillano tra il 3% e il 5% sull’importo complessivo. Queste variazioni dipendono dai maggiori e mutati costi del nuovo servizio rispetto quello precedente  che risale a circa 9 anni fa.

Il costo di gestione del nuovo appalto è di circa €20.000 al mese in più rispetto a quello precedente, perché nel frattempo c’è stato l’aumento  delle tariffe per il conferimento in discarica, l’aumento del costo del carburante,  il maggior costo della gestione del parco macchine, delle coperture assicurative e del trattamento retributivo e previdenziale del personale.

Se oggi facessimo una comparazione fra il precedente servizio  e quello attuale, potremmo constatare un risparmio del 20% sui costi di gestione. Infatti a fronte di un aumento del costo del nuovo appalto di circa il 25% in più rispetto al precedente si è determinato un incremento, come detto fisiologico, che oscilla soltanto tra il 3% e il 5% a dimostrazione della bontà dell’impostazione del nuovo servizio della raccolta differenziata.

Si deve anche ricordare che il nuovo servizio è iniziato il 2 Maggio 2019 e quindi inevitabilmente ha risentito dell’impostazione della precedente tariffazione e, nei  primi 4 mesi, del maggior volume del conferimento in discarica dell’indifferenziato . Sicuramente sulla tariffazione dell’anno 2020 si potranno constatare i benefici derivanti dalla riduzione della componente dell’ indifferenziato dei rifiuti in discarica che determinerà un decremento dell’importo della TARI.

È anche opportuno informare la cittadinanza che dal prossimo mese di Marzo verrà istituita la lettura dei codici a barre sui cestelli. Ciò consentirà di poter , nel futuro, modificare il regolamento per applicare la tariffazione puntuale e premiare tutti coloro che effettueranno in modo virtuoso la differenziazione  dei rifiuti che, non dimentichiamo, ha raggiunto ad oggi il 75% circa facendoci entrare tra i comuni ricicloni”.

 

Il Sindaco

Angelo Giuliani