“Il segreto di Carlotta e altre storie”, presentazione a Viterbo del libro di Mike Barbone

NewTuscia – VITERBO – Il 18 gennaio 2020, alle ore 18.00 presso la Sala Regia del Palazzo dei Priori di Viterbo, sede del Comune di Viterbo, alla presenza del Sindaco Giovanni Maria Arena, con l’introduzione di Bruno Mencarelli, con la partecipazione di Laura Allegrini, A. Stefano Marini Balestra e Michele Lo Foco quali relatori, sarà presentato il volume di racconti “Il segreto di Carlotta e altre storie” di Mike Barbone.

Saranno presenti l’autore e l’editore Fabio Croce. Parteciperanno, inoltre, gli attori Carla Romanelli, Noël Barbone, Fabrizio Barbo.

Il libro è distribuito da Messaggerie Libri nel circuito Feltrinelli in tutta Italia. A Viterbo è in vendita presso la libreria Straffi di via Saffi, 133/137, che si occuperà della vendita del volume in occasione della manifestazione. Sarà presente il titolare della libreria Allen Straffi.

Nei ventinove racconti ho voluto dare spazio al rapporto di analogia tra il mondo delle idee (le cose empiriche) e la meta-idea che ne costituisce il modello universale, e dunque generale, di rappresentazione della realtà. Attraverso questa mimesi, con cui ho voluto raccontare il nesso tra vita reale e rappresentazione artistica della sua realtà, della sua cogenza, ho utilizzato le storie e i personaggi per comunicare la necessità di confrontarsi nel “luogo ideale, umanistico, dell’incontro e dello scontro della coscienza individuale e di quella collettiva”, che, sempre più orientate ad un consumo tecnologico alienante e disperdente l’essenza originale della natura umana, hanno il dovere di soffermarsi sul proprio percorso di vita, di riappropriarsi del proprio tempo per rifulgere negli individui una nuova prospettiva, una rinnovata capacità di immaginare il domani e intravedere il futuro.

La scelta stilistica del modello narrativo che ho adottato nell’enucleare i racconti è stata finalizzata a descrivere i sentimenti di angoscia, tensione, paura, ignavia, accidia, superbia e viltà che caratterizzano questo nostro tempo per instaurarvi un dialogo aperto tra presente e passato. Soltanto questa recuperata relazione temporale sincronica sarà in grado di sostenerci nel nostro processo evolutivo, individuale e collettivo, che attraverso la memoria storica potrà affrontare le prossime sfide di sopravvivenza e di organizzazione sociale multiculturale verso cui tende l’umanità. Per questo motivo, scrivendo questi racconti, ho inteso aprire un’indagine storica – come diceva Marc Bloch alla fine degli anni venti – sul senso dell’evoluzione politica globale, della valenza dell’organizzazione economica omologante e limitante in cui ci siamo reclusi senza più lasciare afflati di prospettiva costruttiva dei processi relazionali sociali ai meccanismi umanistici e conoscitivi.

Le motivazioni che sono alla base di questi ventinove racconti, utilizzando i più svariati generi letterari, sono molteplici ma la principale è stata determinata dalla volontà di ricostruire e ri-narrare le fenomenologie di pensiero e di azione umana nel tempo storico, quale progressione cronologica degli eventi, e nello spazio geografico, quale percezione soggettiva della realtà, da cui si estrinseca la valenza intellettuale di ciascun essere umano. In conclusione, nel raccontare le ventinove storie di questi racconti ho voluto comunicare il sistema culturale globale che ci circonda e ci compendia nella nostra essenza vitale e descrivere le pulsioni primordiali, positive e negative, che caratterizzano la natura umana, e dalle quali, in questo nostro tempo, definito “di progresso di civiltà”, è sempre più difficile e complicato affrancarsi al fine di poter ascendere realmente verso un processo evolutivo omogeneo e strutturale in tutte le sue componenti politiche, sociali e culturali.

Mike Barbone