Allarme SMOG a Roma e blocco ai diesel previsto per il 14 gennaio

loading...

Legambiente “Il Campidoglio ferma i Diesel solo dopo il decimo giorno di aria avvelenata, con un incredibile ritardo: ma le polveri sottili sono alle stelle da inizio anno”

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. Inizio 2020 all’insegna di una costante presenza di SMOG in tutta Roma, come certificano le centraline di ARPA Lazio. A Roma c’è Mal’aria da inizio anno e ancora ieri diverse centraline hanno segnato sforamenti dei limiti consentiti (limite massimo per le PM10 di 50 ug/m3 – 50 microgrammi per metro cubo di aria). Il record negativo nella centralina su Via Tiburtina con 10 giorni su 12 oltre i limiti e picco registrato alla centralina Preneste con ben 140 ug/m3 lo scorso 1 gennaio.

“E’ allarme Smog nella Capitale, le polveri sottili sono alle stelle da inizio anno e il Campidoglio ferma i Diesel solo dopo il decimo giorno di aria avvelenata – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. Ci si chiede perché si sia aspettato così a lungo per mettere in campo un provvedimento di blocco del traffico privato di automobili che è giusto, ma che arriva con un incredibile ritardo, quando anche le previsioni di Arpa sulle PM10 non hanno mai mostrato un trend futuro in miglioramento; fino a oggi infatti i blocchi hanno riguardato solo poche vetture nella fascia verde, le stessa auto alle quali era peraltro già interdetta la circolazione all’interno dell’anello ferroviario”.