Montefiascone, presentazione saggio “Hanno ucciso l’Uomo Gatto”

NewTuscia – MONTEFIASCONE – Riceviamo e pubblichiamo. Uno sguardo ironico e dissacrante sulla società italiana a cavallo del millennio, attraverso la televisione: è “Hanno ucciso l’Uomo Gatto” (Edizioni Epoké, Novi Ligure), il saggio d’esordio di Adriano Pugno, che sarà presentato venerdì 27 dicembre al Museo del Sangallo di Montefiascone in dialogo con Chiara Mezzetti (ore 16.00, a cura della Piccola Galleria). Pugno e “Hanno ucciso l’Uomo Gatto” saranno protagonisti anche del reading game al ristobar/libreria La Coccinella, sempre a Montefiascone, venerdì 3 gennaio (ore 17.00). Passando da Ciao Darwin al Grande Fratello, da Amici di Maria De Filippi a Real Time, l’autore racconta l’Italia della generazione Y grazie a trasmissioni cult e ai singolari personaggi che ne hanno fatto parte.

“Hanno ucciso l’Uomo Gatto” è una controstoria irriverente della televisione italiana, per capire com’è cambiata e come sono cambiati quei ragazzi degli anni Novanta che nel bene e nel male hanno avuto nella tv uno specchio dentro cui guardare: non è un caso se il titolo fa riferimento al celebre concorrente della trasmissione musicale Sarabanda condotta da Enrico Papi per sette anni consecutivi.

Il volume è stato appena pubblicato dalle Edizioni Epoké di Novi Ligure e la prefazione è stata affidata al direttore della Scuola Holden Martino Gozzi, presso cui Adriano Pugno lavora. Pugno, 29 anni, scrive per l’Espresso ed è stato cofondatore della rivista culturale Tropismi. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati su Narrandom, uonnabi e La Stampa.

L’autore

Adriano Pugno è nato a Viterbo nel 1990. Dopo la Laurea Magistrale in Lettere, si è diplomato alla Scuola Holden specializzandosi nel racconto della realtà. Comincia a collaborare con la Scuola Holden occupandosi di Corporate Storytelling, diventa poi responsabile dell’area Talent Hub e assistente all’Academy, il nuovo percorso universitario.

Scrive articoli per il gruppo l’Espresso su argomenti che vanno dalla letteratura al Festivalbar. Ha cofondato la rivista culturale Tropismi, di cui cura anche la comunicazione. Tiene corsi di scrittura creativa: il più recente, incentrato sul racconto del territorio, si è tenuto a Montefiascone, il paese dove ha vissuto per anni.

Per Edizioni Epoké è uscito il saggio “Hanno ucciso l’Uomo Gatto”, un racconto di com’è cambiata la televisione a cavallo del millennio e di come siamo cambiati noi. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati su Narrandom, uonnabi e La Stampa.

Edizioni Epoké – La Torretta

Le nostre vocazioni principali sono la divulgazione nell’ambito delle scienze umane e sociali e il supporto alle attività didattiche e di ricerca. Negli anni abbiamo accumulato un importante bagaglio di collaborazioni accademiche ed esperienze nella costruzione di progetti editoriali dedicati al mondo del non profit e dell’educazione. I nostri volumi sono disponibili sul sito edizioniepoke.it, sui principali store online e vengono distribuiti attraverso directBook, Fastbook e Goodfellas.