“Lo sport entra nelle carceri”, successo per l’evento

NewTuscia – VITERBO – Si è rinnovato a Viterbo nel carcere di Mammagialla per il terzo anno di fila l’importante iniziativa di recupero sociale legata allo sport con la Festa finale del progetto “Lo sport entra nelle carceri”.

La manifestazione è stata firmata da Coni Lazio e Regione ed ha come obiettivo il recupero dei detenuti promuovendo la salute e il benessere attraverso l’attività fisica.

Sono state organizzate due gare di calcio e un confronto di scacchi. I detenuti del carcere viterbese, quasi tutti dotati di un buon palleggio, allenati da Massimo Baggiani (tecnico BarcoMurialdina) hanno regolato nella prima partita gli arbitri della sezione Aia di Viterbo, guidati dal presidente Luigi Gasbarri, vincendo per 3-0.
Nella seconda hanno disputato il match contro una selezione di atleti di vari sport del Viterbese. Tra questi tre giocatori del Rugby Viterbo (Marco Lanzi, Alessandro Belli e Marcello Milani) ex giocatori della Viterbese, ex del Civita Castellana e Nepi e alcuni tecnici di calcio di Viterbo e Civita Castellana.

Il confronto è terminato 2-2; ai rigori hanno vinto ( 5-4) i detenuti, poiché il delegato allo sport del comunale di Viterbo Matteo Achilli, ha spedito con un tiro oltre la trasversa.

Si è svolto con successo anche il torneo di scacchi seguito dagli istruttori della Scuola scacchistica viterbese, Massimiliano Marini e Gianfranco Massetti.

Alla consegna dei riconoscimenti era presenti Gianluca Rodà dell’area tecnica del Coni Lazio, il delegato del Coni Provinciale Ugo Baldi e il delegato allo sport di Viterbo Matteo Achilli. Le pergamene sono state consegnate a Natalina Fanti (responsabile area educativa) che ha seguito il progetto di Coni e Regione; al vice comandante Tullio Volpi, al presidente dell’Aia Lugi Carbonari, mentre alle squadre che hanno partecipato sono state consegnate coppe e medaglie.