I dati satellitari per prevenire i disastri ambientali e meteorologici nella Tuscia

loading...

NewTuscia – FRASCATI – Nella giornata di giovedì 28 novembre si è tenuto presso la sede dell’

Fabio Valentini
Fabio Valentini

Agenzia Spaziale Europea ESA ESRIN di Frascati un incontro riguardante il monitoraggio ambientale del territorio della Provincia di Viterbo al quale hanno partecipato amministratori pubblici, associazioni e Guardia Costiera.

Ho personalmente promosso questo appuntamento informativo insieme all’Ing. Massimo Orlandi della Progressive Systems Srl di Frascati, azienda specializzata nelle applicazioni satellitari per l’ambiente che ringrazio vivamente per l’organizzazione, la cura delle trattazioni e delle presentazioni, come ringrazio l’ESA per l’ospitalità e tutti i partecipanti per la loro importante presenza. Essendomi confrontato con loro da tempo, ed avendo recepito la possibilità di utilizzare i satelliti per l’osservazione della Terra e quindi i relativi dati a vantaggio del nostro territorio, non ho esitato nel chiedere di organizzare un incontro con gli amministratori della nostra Provincia.

I dati satellitari possono essere usati per la tutela ambientale, in diversi modi come la prevenzione degli incendi, il monitoraggio del livello e della qualità delle acque interne e costiere, lo studio delle esondazioni e dell’erosione della costa, il monitoraggio della qualità dell’aria e dello stato di salute delle piante. Nel corso della trattazione, dove non sono mancati anche esempi concreti, è emerso che tali dati possono essere utilizzati anche in agricoltura, nell’urbanistica, nell’archeologia… insomma un mondo sicuramente poco conosciuto, ma dalle enormi potenzialità. Oltre ai temi che avevo già chiesto di trattare, ne sono scaturiti altri, molto interessanti, dagli interventi dei presenti. Sono disponibile a chiedere e promuovere altri incontri, anche nel nostro territorio, qualora ci fossero Comuni della Provincia di Viterbo interessati a queste tematiche, cosa che spero, affinché si possa pensare a delle collaborazioni tra più enti, che consentirebbero anche di partecipare a dei bandi futuri, in modo da poter provare a presentare e realizzare dei progetti per la tutela del nostro territorio, finanziati in parte o magari completamente da fondi nazionali o comunitari.

Consigliere Provinciale
FABIO VALENTINI