Pm aggredito a Mammagialla nel 2012, videosorveglianza smentisce gli agenti

loading...

NewTuscia – VITERBO – La videosorveglianza del carcere di Mammagialla ha smentito le testimonianze dei tre poliziotti penitenziari sulla vicenda del magistrato antimafia Giovanni Musarò, aggredito il 7 novembre del 2012 dal boss Domenico Gallico durante un colloquio.

Ieri, sono stati condannati per violazione di consegna e falso ideologico. Il filmato mostra come il detenuto fosse entrato nella stanza senza manette e senza scorta, contrariamente alle disposizioni del pm: solo uno degli agenti era presente, accanto alla porta. Il boss della ‘ndrina si sarebbe avvicinato per poi colpire con un pugno il magistrato.

Un anno un mese per gli assenti, che secondo il verbale erano presenti, una anno e dieci mesi per il poliziotto che non ha vigilato sulla situazione.

Dopo aver dichiarato di essere tutti e tre presenti dentro la stanza, le telecamere fanno vedere come invece l’unico nelle vicinanze fosse appena sull’uscio all’inizio dell’aggressione che è valsa al detenuto in regime di 41 bis, due anni e mezzo.