Umbria: con la nascita del CST – Consorzio per lo Sviluppo del Territorio si fa strada la sinergia fra mondo delle imprese e Istituzioni

loading...

Obiettivo comune: valorizzare tutti i settori dell’economia

  Esordisce il prossimo 16 novembre il brand “Terra di Condottieri” con la Prima Tavola rotonda del neonato Consorzio alle ore 10.00 presso l’Aula Consiliare del Comune di Montecchio. Presenti i Sindaci dei comuni della provincia di Terni coinvolti nel progetto di rilancio: Alviano, Guardea, Lugnano in Teverina e Montecchio

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. Sabato  16 novembre presso l’Aula Consiliare del Comune di  Montecchio  alle ore 10.00, la prima tavola rotonda che sancisce la nascita di un Consorzio volto a favorire lo sviluppo e la valorizzazione della zona (provincia di Terni) che comprende il territorio di Alviano, Guardea, Lugnano in Teverina e Montecchio per il quale è stato coniato un nuovo brand identificativo, “Terra di Condottieri”.

I comuni al centro di questo progetto offrono un vasto panorama di attività su cui tornare a investire. Olio, storia, ceramiche, hotellerie, settore enogastronomico e ristorazione sono solo alcuni degli ambiti attrattivi che il Consorzio si prefigge di promuovere puntando su una offerta turistica integrata che faccia da driver nell’ attrarre investimenti anche dall’estero. Pubblico e privato saranno uniti nel perseguire questo obiettivo comune concentrandosi altresì sulla formazione dei giovani verso nuovi sbocchi occupazionali.

Con la tavola rotonda “UOMO, OLIO EVO, VINO Le risorse della Terra dei Condottieri per il rilancio del territorio”(curatrice culturale: Marina Ricci), il Consorzio per lo Sviluppo del territorio si presenta al pubblico con una grande iniziativa di raccordo tra le componenti del territorio e altri qualificati apporti esterni per porre allo studio una serie di iniziative orientate al raggiungimento degli obiettivi di rilancio del territorio.

Questo momento segnerà l’istituzione del Think tank CST, letteralmente un serbatoio di idee con una marcata connotazione multidisciplinare. Verranno infatti costituiti tavoli tecnici per una progettualità trasversale, mentre la funzione di cabina di regia spetterà al board del Consorzio costituito da valevoli imprenditori ed esponenti delle istituzioni con la Presidenza di Luciano Mannaioli, imprenditore di Guardea. L’obiettivo sarà quello di dare vita a una serie di iniziative concrete in ogni ambito dello sviluppo, dalla produzione ai servizi. Si partirà dalla valorizzazione dell'”oro verde” dell’Amerino Occidentale, l’olio extravergine di oliva che sarà il trait d’union del paniere delle eccellenze, inserito al centro di un sistema di valorizzazione e promozione dei prodotti agroalimentari, del vino, dell’enogastronomia e del territorio.

L’olio evo – ha spiegato Mannaioli – che avrà la funzione di traino, e punta di diamante insieme, sarà il protagonista in quanto migliore attore. Sarà il motore immobile della nostra economia accanto ad altri attrattori turistici del territorio che riporteremo alla luce quali il paesaggio, la cultura, l’arte, la natura. Vogliamo portare interessi economici nei nostri territori, vogliamo rilanciare i diversi settori, portare turismo e presenze lungo tutto l’arco dell’anno, entrare in un circuito di grandi eventi regionali sviluppando l’industria dell’accoglienza nel suo complesso, dall’ospitalità alberghiera al sistema della ristorazione, dal commercio e i servizi alla gestione delle attività culturali e ludiche, come l’intrattenimento, lo sport e l’escursionismo”.

Guardare ai comuni di Alviano, Guardea, Lugnano in Teverina e Montecchio e ai territori limitrofi come ad un unicum – ha continuato Mannaioli – significa offrire una chance in più all’economia locale, significa riferirsi al mercato con una forza maggiore, una identità marcata e riconoscibile”.

In questa ottica l’intervento di Marco Oreggia – uno dei massimi esperti mondiali di olio evo, giornalista di inchiesta, esperto del settore agroalimentare – sarà fondamentale per avviare un’analisi seria con le altre personalità presenti alla Tavola rotonda in merito al posizionamento sul mercato dell’olio evo locale, dalla qualità indiscussa, che nulla ha da invidiare alle altre espressioni regionali e che ha tutto il potenziale per poter competere a livello nazionale e internazionale.

La tavola rotonda vedrà la presenza dei sindaci dei comuni interessati dal progetto.

Queste le parole del Sindaco di Guardea e Presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi: “La tavola rotonda di sabato 16 introduce magistralmente il più ampio progetto de “Il nuovo milione” che punta a valorizzare in modo complementare le risorse di questo territorio ricomprendendo bellezze naturali/ambientali, beni storico-culturali e prodotti enogastronomici che, uniti a numerosissime attività culturali, possono divenire il volano per un nuovo sviluppo veramente sostenibile”.

Federico Gori Sindaco di Montecchio,  che ospiterà i lavori della Tavola Rotonda presso l’Aula Consiliare ha rilasciato queste dichiarazioni: “Iniziativa molto importante quella di sabato 16 novembre, un punto di partenza per un auspicato sviluppo di un territorio molto ricco di storia, cultura, tradizioni e tutto ciò che di buono ha da offrire un territorio autentico ed incontaminato. Lo scopo, a mio avviso, è far comprendere ai vari attori del territorio, in particolar modo agli imprenditori, commercianti ed attività ricettive che sono proprio loro a rivestire un ruolo di primo piano e che se il territorio cresce ne va del bene della comunità tutta. L’amministrazione Comunale, come ha sempre fatto, sarà al fianco di chiunque voglia investire in progetti di sviluppo sul territorio a beneficio dello stesso“.

Così ha commentato invece il Sindaco di Alviano, Giovanni Ciardo: Il progetto che prende forma ha alcuni tratti che, se sviluppati bene, con professionalità e costanza, possono farci ben sperare. Essi sono il lavoro in rete – a sistema – del territorio, la valorizzazione delle ricchezze in una chiave non campanilistica ma di area di sviluppo e voglia di riscatto di queste zone. La professionalità di chi lavora a questo progetto è assicurata. Lato nostro, come Comune di Alviano, mettiamo a disposizione la perfetta cornice del Castello che, da poco, grazie ad Enel X ed al Gal ternano, è stata ulteriormente impreziosita di una illuminazione che ne esalta la bellezza. In più potremmo “portare in dote” la storia di un condottiero temuto nel 1500 addirittura dall’imperatore di Francia. Bartolomeo d’Alviano e le sue gesta, sono entrate addirittura nella prima edizione di un gioco virtuale, internazionale: Assassin’s Creed. Ovviamente la gastronomia con la valorizzazione decennale di Olio e Farro, e i percorsi naturalistici. Queste sono alcune delle nostre carte da giocare, per una valorizzazione insieme di questo fazzoletto di Umbria”.

Per questo – conclude il Sindaco –confermiamo la nostra disponibilità a rendere fattivo questo percorso”.

Anche il Sindaco di Lugnano in Teverina, Gianluca Filiberti ha mostrato entusiasmo per questa iniziativa: “Parteciperò con molto interesse alla tavola rotonda di sabato 16 novembre a Montecchio; ringrazio gli organizzatori per aver coinvolto anche il Comune di Lugnano nella persona del suo Presidente Luciano MannaioliDare voce e aiutare gli imprenditori locali può solo fare crescere il nostro territorio. Eventi che promuovano le nostre eccellenze devono essere sostenuti e accompagnati per uno sviluppo sostenibile e per il bene comune“.

Nutrito e di assoluto livello sarà il panel di relatori che si avvicenderanno con i loro interventi alla tavola rotonda e che metteranno a favore del think tank il loro know how specialistico e la loro esperienza nei diversi settori di riferimento al centro del dibattito.