Master Enjoy lancia “Chenesai” partendo dall’Umbria

loading...

NewTuscia – Valerio Cardone, in arte Master Enjoy, vocalist Master of Ceremonies lancia la sua nuova canzone intitolata “Chenesai”. Si tratta di un progetto completamente Made in Umbria, a partire dal cantante che ha sempre vissuto in questa regione, alla location in cui è stato girato il videoclip (Isola Polvese, la maggiore delle tre isole situate nel Lago Trasimeno) e il gruppo di collaboratori.

Non si tratta della prima esperienza di questo genere del noto vocalist, famoso anche per essere il cantante del Red Zone di Perugia e di altre discoteche storicamente di prestigio sul panorama nazionale come Cocorico, Echoes, Peter Pan, Cyborg, Ecu, Insomnia, Prince, Baia Imperiale, Diabolika, Alter Ego, solo per fare qualche esempio. 

Discendente dell’attrice Eleonora Rossi Drago, sua nonna, che ha preso parte a più di 70 film in carriera, nel 1998 si diploma al CET (Centro Europeo di Tuscolano) la scuola di Mogol.

Negli ultimi anni ha prodotto diversi brani rap conservando l’influenza elettronica che caratterizza la sua carriera all’interno delle discoteche, riassumibile nel singolo d’esordio “Rivoluzione“ del 2007: il video, realizzato da Hermes Mangialardo, vinse il primo premio agli “MTV Flash Awards” di Amburgo come miglior video per la categoria animazione. Successivamente, tra gli impegni in radio (dove ha condotto per 8 anni una trasmissione su M2O) e come Mc, ha continuato a scrivere e cantare nel duo “Radical Frick“ fondendo rap e opera: questo lo ha portato a duettare in tour per la Polonia con Claudio Rocchi, tenore allievo di Pavarotti.

“Chenesai” unisce perfettamente la tecno-progressive anni ’90 con il testo in italiano, caso piuttosto raro per questo genere musicale. Inizialmente il videoclip è stato caricato su YouTube lo scorso settembre ricevendo velocemente un elevato numero di visualizzazioni, per poi passare alcune settimane dopo alla distribuzione del brano in formato digitale sulle principali piattaforme.

È l’ennesimo esempio di come sia cambiato il mondo della discografia, permettendo anche ad artisti minori, non sotto contratto delle più grandi major della produzione, di proporsi sul panorama musicale in maniera più agile e con meno investimenti. Allo stato attuale può essere sufficiente l’uso di una fotocamera compatta da poche centinaia di euro per registrare un video in FullHD, che può essere editato senza enormi sforzi con un pc domestico: perfino la fortunata serie Dr. House fu registrata con una fotocamera ben 10 anni fa. Un altro lato positivo offerto dalla Rete è la possibilità di esaminare immediatamente il sentiment sulle proprie opere, magari prodotte grazie ad una fortunata campagna di crowdfunding.

Insomma, la regione Umbria è davvero un territorio con una spiccata vocazione per le arti musicali. Basti pensare ad Umbria Jazz,  rassegna famosa in tutta Europa e non solo, ed alla stagione in programma al teatro comunale di Assisi che, con la collaborazione della Associazione Umbra della Musica e della Canzone d’Autore, vedrà salire sul palco l’Orchestra Italiana di Renzo Arbore in una delle sue tournée memorabili.