Una divertente “Caccia al libro” al Palazzo dei Priori con gli studenti del Liceo “Santa Rosa”

loading...

NewTuscia – VITERBO – Inedita e divertente “caccia al libro” ieri mattina attraverso le sale nobili del palazzo dei Priori: nell’ambito di un innovativo progetto di alternanza scuola-lavoro dedicato al valore del libro, studentesse e studenti del Liceo delle scienze umane e musicale “Santa Rosa” hanno guidato, a suon d’indovinelli e brani musicali, i loro giovanissimi colleghi di una classe quarta della primaria “Luigi Concetti” (IC “Fantappié”) alla scoperta dei numerosi tomi dipinti alle pareti. Presenti all’iniziativa i dirigenti del “Santa Rosa” (Alessandro Ernestini) e della “Fantappié” (Valeria Monacelli). All’abbrivio, immancabili, gli affettuosi indirizzi di saluto da parte del sindaco di Viterbo, Giovanni Arena.

EUREKA! ECCO IL LIBRO, L’ABBIAMO SCOVATO!

Ieri mattina, sotto l’amorevole e puntigliosa guida di giovani studentesse e studenti del “Santa Rosa”, i giovanissimi allievi di una quarta elementare dell’istituto comprensivo “Fantappié” si sono scatenati in un’avvincente quanto originale “Caccia al libro”.
Eccezionale isola del tesoro (per un giorno) lo splendido palazzo dei Priori. Coordinate della mappa: storie e dipinti a fresco che narrano di libri e personaggi misteriosi (Tarconte e Tagete, Annio ed Egidio da Viterbo). Tappa preliminare-fondamentale per l’equipaggio, la biblioteca degli Ardenti coi suoi stupendi manoscritti e gli antichi libri a stampa. Colonna sonora dell’avventura: il sound creato ad arte dagli apprendisti musicisti del liceo musicale (lo splendido foto-racconto è stato curato da Angela Letizia Poponi, studentessa del “Santa Rosa”).

Il tesoro portato a casa? Una scuola divertente, aperta e coinvolgente, profondamente innovativa e formativa. Tutto questo grazie al progetto in rete “Poli di biblioteche scolastiche” (vinto mesi orsono dal liceo “Santa Rosa da Viterbo”), al lavoro di studenti e docenti delle due scuole coinvolte, al sostegno dei dirigenti scolastici Alessandro Ernestini e Valeria Monicelli nonché alla immancabile, cordiale disponibilità del sindaco Giovanni Arena.