PD Civita Castellana sulla bocciatura della mozione per il finanziamento di uno studio sulla silice

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Riceviamo e pubblichiamo.

La maggioranza ha bocciato, con la sola astensione (non motivata) del sindaco Caprioli, una mozione del Consigliere Yuri Cavalieri per finanziare con 10.000€, 60 centesimi a cittadino, uno studio finalizzato al riconoscimento della silice quale agente cancerogeno, ostacolando la via per il raggiungimento di un obiettivo fondamentale per il nostro territorio: il riconoscimento legislativo del LAVORO USURANTE per gli operai ceramisti, con conseguente prepensionamento a 62 anni e ricambio generazionale. Un obiettivo di cui beneficerebbero tutte le parti in causa: operai, imprenditori e giovani che aspirano ad entrare nel mondo del lavoro.

Ancora oggi nonostante le numerose richieste bipartisan di sindacati e imprenditori, gli operai ceramisti sono costretti a rimanere nel ciclo produttivo fino a 67 anni, in un ambiente sicuramente più salubre grazie agli investimenti degli imprenditori locali, ma sempre esposti ad alte temperature, al peso della ceramica, alla silice, con una forte incidenza di traumi articolari e un’abilità al lavoro che ovviamente diminuisce con il passare degli anni.

Uno studio del genere era indispensabile per arrivare ad un tavolo Ministeriale con una documentazione solida e inattaccabile, aggiornata e contestualizzata, grazie all’integrazione dello studio in questione con i precedenti.

La risposta che ci ha fatto più male è quella del Consigliere Massimo Carpenti, ceramista leghista, che con aria di sufficienza ci ha urlato “sono soldi buttati, bastano le mascherine”. Una frase che ci ha lasciato senza parole, che dimostra quanto, nonostante sia stato spiegato più e più volte, non abbia compreso nemmeno le finalità della mozione.

Molto spesso ci siamo sentiti dire durante tutta la campagna elettorale “Voto un sindaco di destra perché alle amministrative conta la persona”. Ecco, questa è la dimostrazione lampante che esiste un’enorme differenza culturale e valoriale rispetto al mondo del lavoro, dei diritti, e una generale miopia che non favorisce lo sviluppo del nostro distretto industriale. (Basti pensare che nel Documento Unico di Programmazione sono stati stanziati la bellezza di 0€ per l’industria locale).

Merito al Sindaco per essersi astenuto, ma da Lei ci aspettavamo più coraggio.

 

Consiglieri Comunali Partito Democratico

Simone Brunelli

Vanessa Losurdo