Al Csc il corso per assistenti familiari promosso dall’assessorato ai servizi sociali

loading...

NewTuscia – VITERBO – Si  è aperto  il 16 settembre 2019 alla presenza di  Antonella Sberna, Assessore con delega ai Servizi Sociali del Comune di Viterbo, presso l’Ente formativo  accreditato dalla Regione Lazio ‘ CSC- Centro per gli Studi Criminologici’, il corso per Assistente Familiare, profilo professionale riconosciuto dalla Regione Lazio.

Il progetto formativo predisposto dall’Assessorato nasce nell’ambito degli interventi legati al reddito di inclusione e  si svolge  in collaborazione con il Centro per gli Studi Criminologici .

Ad accogliere l’Assessore Antonella Sberna , per il CSC erano presenti  il Presidente Marcello Cevoli , Giampiero Lattanzi,  direttore dell’Area Formazione Professionale, Valentina Tanini, direttore del dipartimento di Psicologia Giuridica, Alessia Fuschino, nutrizionista , Stefania Giovannini,Tutor del Corso, Barbara Buonomo , direttore della Segreteria Generale.

Sono 25 gli allievi  che hanno aderito alla iniziativa formativa e ai quali l’Assessore Antonella Sberna ha portato il suo saluto  invitando tutti gli iscritti a partecipare attivamente al corso che si configura come una concreta occasione per un inserimento qualificato nel mondo del lavoro.

Il corso, che prevede  300 ore formative distribuite tra didattica e stage presso strutture convenzionate con il Centro per gli Studi Criminologici, è finalizzato a preparare  figure professionali  in grado di garantire assistenza  a persone autosufficienti e non, favorendone il benessere, l’autonomia e la permanenza nel nucleo familiare.

Il  corpo docente altamente qualificato,  utilizzando coinvolgenti metodologie didattiche, strategie e tecniche  al passo con i tempi , alternando alla teoria esercitazioni pratiche e laboratori esperienziali, trasferirà  conoscenze e strumenti efficaci  che i futuri Assistenti Familiari potranno impiegare nell’ambito dell’attività lavorativa rivolta ai servizi alla persona. Infatti l’acquisizione della  qualifica professionale  punta,  in base alle richieste del mercato, a incentivare l’occupazione regolare o il reinserimento  nel mondo del lavoro.

Il corso  si concluderà a febbraio 2020 con un esame finale alla presenza di una commissione appositamente costituita . Al superamento dell’esame verrà rilasciato l’attestato di qualifica di Assistente Familiare che consentirà  l’iscrizione al Registro Distrettuale degli Operatori impiegati nell’assistenza.

Il Presidente del Centro per gli Studi Criminologici

Marcello Cevoli