I Narratori di comunità protagonisti all’inaugurazione del “Festival della Scienza” dell’Università degli Studi della Tuscia

loading...

NewTuscia – VITERBO – Si svolgerà presso il complesso di Santa Maria in Gradi la “Settimana della Scienza” organizzata dall’Università degli Studi della Tuscia. Per l’inaugurazione, sabato 21 settembre, è prevista un’intera giornata all’insegna delle scienze agrarie, arricchita dalla performance narrativa “Zucche ripiene di….cultura. Un viaggio narrato tra storia, letteratura, arte, paesaggio e tradizione”, che vedrà protagonisti i diplomati del master DIBAF per “Narratori di comunità”.

Il programma della mattinata sarà dedicato alla scoperta delle collezioni scientifiche e vegetali dell’Azienda agraria didattico-sperimentale “Nello Lupori” e all’Orto botanico “Angelo Rambelli”. Una speciale visita guidata che prenderà avvio di fronte l’ingresso dell’Orto Botanico alle 9.30 del mattino e che vedrà la presenza del magnifico rettore dell’ateneo Alessandro Ruggieri a celebrare l’avvio del festival.

Terminata la degustazione di prodotti territoriali, prevista per le 13, si potrà prendere parte alle attività organizzate per il cuore della giornata: la raccolta delle zucche ornamentali coltivate negli orti dell’azienda agraria e la performance narrativa, ideata dai diplomati del master DIBAF per “Narratori di comunità”: “Zucche ripiene di… cultura. Un viaggio narrato tra storia, letteratura, arte, paesaggio e tradizione”.

Sarà questa la prima uscita autonoma della squadra dei narratori di comunità, che vedrà riuniti per l’occasione i diplomati del primo ciclo e i più freschi di attestato. Una narrazione strutturata per omaggiare e restituire al pubblico un evocativo cameo sull’ortaggio autunnale per eccellenza: la zucca. Storia agraria, arte, poesia e racconti di coltivatori e orti, questo il percorso esplorato dai narratori e costruito per l’occasione, senza tralasciare l’aspetto canoro, come per le precedenti performace dedicate al 40° anniversario dell’ateneo cittadino svolte lo scorso giugno tra la Trinità e il Riello.

Vi aspettiamo numerosi ricordandovi che per la partecipazione alla giornata inaugurale è necessario prenotarsi inviando una e-mail a corsi.azienda@unitus.it  Le iscrizioni saranno prese in considerazione fino a esaurimento dei posti disponibili.

Presso il complesso di Santa Maria in Gradi la “Settimana della Scienza” organizzata dall’Università degli Studi della Tuscia. Per l’inaugurazione, sabato 21 settembre, è prevista un’intera giornata all’insegna delle scienze agrarie, arricchita dalla performance narrativa “Zucche ripiene di….cultura. Un viaggio narrato tra storia, letteratura, arte, paesaggio e tradizione”, che vedrà protagonisti i diplomati del master DIBAF per “Narratori di comunità”.

Il programma della mattinata sarà dedicato alla scoperta delle collezioni scientifiche e vegetali dell’Azienda agraria didattico-sperimentale “Nello Lupori” e all’Orto botanico “Angelo Rambelli”. Una speciale visita guidata che prenderà avvio di fronte l’ingresso dell’Orto Botanico alle 9.30 del mattino e che vedrà la presenza del magnifico rettore dell’ateneo Alessandro Ruggieri a celebrare l’avvio del festival.

Terminata la degustazione di prodotti territoriali, prevista per le 13, si potrà prendere parte alle attività organizzate per il cuore della giornata: la raccolta delle zucche ornamentali coltivate negli orti dell’azienda agraria e la performance narrativa, ideata dai diplomati del master DIBAF per “Narratori di comunità”: “Zucche ripiene di… cultura. Un viaggio narrato tra storia, letteratura, arte, paesaggio e tradizione”.

Sarà questa la prima uscita autonoma della squadra dei narratori di comunità, che vedrà riuniti per l’occasione i diplomati del primo ciclo e i più freschi di attestato. Una narrazione strutturata per omaggiare e restituire al pubblico un evocativo cameo sull’ortaggio autunnale per eccellenza: la zucca. Storia agraria, arte, poesia e racconti di coltivatori e orti, questo il percorso esplorato dai narratori e costruito per l’occasione, senza tralasciare l’aspetto canoro, come per le precedenti performace dedicate al 40° anniversario dell’ateneo cittadino svolte lo scorso giugno tra la Trinità e il Riello.

Vi aspettiamo numerosi ricordandovi che per la partecipazione alla giornata inaugurale è necessario prenotarsi inviando una e-mail a corsi.azienda@unitus.it  Le iscrizioni saranno prese in considerazione fino a esaurimento dei posti disponibili.