Civita Castellana, inizio servizio scuolabus

NewTuscia – CIVITA CASTELAnNA – “In qualità di Assessore alla Pubblica Istruzione informo tutti gli utenti del servizio scuolabus che lo stesso inizierà regolarmente a partire dal giorno 18 settembre 2019.

Considerata l’urgenza di informare correttamente le famiglie, in un’ottica di trasparenza e collaborazione,  sui costi da sostenere per usufruire del servizio di trasporto scolastico, in tempo utile per il regolare inizio del prossimo anno scolastico, si rende noto che:

Quest’anno l’avvio di questo servizio è stato caratterizzato dall’incertezza normativa sulla quale tutti i Comuni si sono trovati a causa delle diverse pronunce della Corte dei Conti in ordine alla natura del servizio stesso e soprattutto sul finanziamento dei costi di gestione.

In particolare la Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte della Corte dei Conti con la deliberazione n. 46/2019/SRCPIE/PAR aveva stabilito che il servizio scuolabus era un servizio pubblico, in quanto oggettivamente rivolto a soddisfare esigenze della collettività, e pertanto, dovevano essere definite dall’Ente adeguate tariffe per  concorrere alla copertura integrale della spesa del medesimo.

Ciò avrebbe costretto ogni Comune ad un necessario aumento delle attuali tariffe.

Fortunatamente  sulla materia è intervenuto il Consiglio dei Ministri del 6 agosto 2019 che  ha inserito, nell’ambito del c.d. D.L. “Scuola” , una specifica disposizione in materia così come comunicato dal Ministro per la disabilità e la Famiglia con nota in data 9 agosto 2019 inviata all’ANCI.

L’art. 5 del suddetto Decreto Legge intitolato “Disposizioni urgenti in materia di servizi di trasporto scolastico” stabilisce che :”La quota di partecipazione diretta dalle famiglie per l’accesso ai servizi di trasporto degli alunni può essere, in ragione delle condizioni della famiglia e sulla base di delibera motivata, inferiore ai costi sostenuti dall’Ente locale per l’erogazione del servizio”.

Grazie a questa norma che, speriamo venga convertita in legge quanto prima, anche il nostro Comune potrà lasciare, per il momento, invariate le tariffe di un così importante servizio finalizzato a garantire il diritto costituzionale allo studio anche per le famiglie meno abbienti.

Buon inizio di anno scolastico a tutti gli alunni e alle loro famiglie”

Questo  è quanto affermato dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Alberto Cataldi