Siamo Impresa Agricoltura al fianco di Teresa Bellanova

NewTuscia – ROMA – Domenico Cosentino, Presidente Nazionale di Siamo Impresa Agricoltura, si dice basito dagli insulti vergognosi che sono seguiti sui social nel giorno del giuramento ai danni di Teresa Bellanova. La neo ministra delle Politiche Agricole, è stata attaccata per il suo look e perché, con un passato da bracciante e sindacalista, ha come titolo di studio la terza media.

Ed afferma: Leggere e ascoltare offese gratuite nei confronti di un Ministro, di una donna, di una lavoratrice è di una bassezza culturale e sociale unica. Ora se l’onorevole Bellonova sarà o meno un buon Ministro saranno i fatti a dimostralo, di certo ha una reale conoscenza del mondo rurale avendo svolto come primo lavoro la bracciante agricola  Questo suo passato prosegue Cosentino, visivamente adirato con chi si è permesso di insultare la neo ministra, “al più le fa onore, è, infatti, riuscita ad arrivare in Parlamento, pur senza un titolo di studio elevato, proprio perché ha saputo dimostrare negli anni che la competenza che si è creata sul campo, valgono più di una laurea”

Come Presidente Nazionale di Siamo Imprese Agricoltura, ha aggiunto Cosentino, “sono umanamente vicino alla Bellanova perché io stesso a 17 anni ho iniziato la mia carriera lavorativa come bracciante agricolo ‘in nero’, lavorando sotto il sole e raccogliendo pomodori nella piana di Sibari. Per questo sono convinto che le soddisfazioni professionali e personali si ottengono solo con studio e sacrificio, ma parimenti l’esperienza spesso può’ essere più utile di tanti anni studio di studio, perché ti pone dinanzi problemi concreti da affrontare”.

Poi ha concluso: “E poi finiamola di essere ipocriti e guardiamo in faccia la realtà, abbiamo avuto esempi di Ministri laureati che non sono stati in grado di svolgere il compito assegnatogli, dunque perché negare la fiducia, a priori, ad una donna che ha tutte le carte in regola per fare e fare bene?”.

Alla politica in Italia manca il buon senso, chiude Consentino, bastano i preconcetti, i giudizi, e la vita sui social, forse sarebbe meglio tornare ad occuparsi dei problemi reali della gente, piuttosto che perdere tempo con inutili insulti, l’Italia aspetta questo, e Teresa ci pare già sulla buona strada.

Una donna tenace che certo non si farà sopraffare da tali ingiurie, anzi saranno una spinta aggiuntiva per dimostrare realmente tutto ciò che sa fare, noi di Siamo Impresa Agricoltura siamo al suo fianco, certi che sarà un’ interlocutrice perfetta per le piccole e medie imprese che credono ancora nella buona politica.

SIAMO IMPRESA AGRICOLTURA FENAPI