Trasporto minimacchina del Centro storico

loading...

Matteo Menicacci

NEWTUSCIA – VITERBO – Sono passate le 21 e siamo ormai giunti all’ultima minimacchina, quella del centro storico.

Questo è il 53° trasporto che avviene per le vie del centro. Luce di Rosa è il nome di questa minimacchina progettata da Lucio Laureti e dagli architetti Mario Todini, Alessandro Piccinini e Natassia Maria Andreani che hanno voluto esprimere, tramite quest’opera, la simbiosi che c’è tra la santa e la città di Viterbo.

Tale rapporto viene espresso e sottolineato con importanza anche dalle cariche presenti tra la folla. Tra queste annoveriamo gli immancabili Giovanni Maria Arena (sindaco di Viterbo) e Lino Fumagalli (vescovo di Viterbo).

Con uno sguardo più attento tra le prima fila possiamo vedere anche personaggi di spicco come: Francesco Battistoni (senatore), Umberto Fusco (senatore), Mauro Rotelli (deputato), Enrico Panunzi (consigliere regionale), Antonella Sberna (assessore servizi sociali, politiche giovanili e della famiglia), Marco De Carolis (assessore alla cultura) e Massimo Mecarini (presidente Sodalizio facchini di Santa Rosa).

Da Piazza Dante fino a Piazza Del Plebiscito e ancora per corso Italia fino a tornare al punto di partenza. Il percorso di questa minimacchina è lungo e per questo i giovani facchini sono divisi in tre gruppi, che vediamo alternarsi ogni volta che il percorso diventa più difficile.

La fatica è tanta e possiamo leggerla nei loro occhi, ma nessuno si arrende.

Il Capofacchino non li abbandona neanche per un istante. Solo così ogni anno possiamo assistere ad uno spettacolo che riesce a colpirci come quello della gemella più grande.

Siamo arrivati a Piazza del Plebiscito quando Giovanni Arena prende il microfono e incita i piccoli facchini con la frase nota a noi tutti: “Facchini di Santa Rosa! Sollevate e fermi!”.

Anche quest’anno il trasporto di Luce di Rosa giunge al termine. Pronti per il corteo e per la rievocazione storica di oggi. Pronti per il trasporto di Gloria del 3 Settembre.

Matteo Menicacci