Recinto per lepri: il Comune di Vetralla precisa con una lettera al presidente Atc/Vt2 Alberto Scarito

NewTuscia – VETRALLA – L’amministrazione comunale di Vetralla, tirata in ballo in maniera inusuale e senza cognizione di causa dal presidente dell’atc/vt dott. Alberto Scarito in merito all’insediamento di un recinto per lepri in località Monte Calvo, precisa quanto segue:

  • Siamo soliti discutere dei problemi istituzionali nelle sedi opportune e non nelle pagine dei giornali come é compito di qualunque istituzione;
  • ogni organizzazione sindacale di categoria può fare propaganda e pubblicità di ogni propria iniziativa nella maniera che ritiene opportuna, ivi comprese le organizzazioni dei cacciatori , ringraziare o deprecare chiunque ritenga opportuno, senza perciò avere accordi predeterminati con chicchessia;
  • e’ nostro uso e dovere tener fede agli impegni assunti in incontri istituzionali, ancorché informali come quello avuto con il presidente Scarito e le associazioni dei cacciatori di Vetralla, nel momento che abbiamo fortemente auspicato l’ubicazione del recinto succitato nel territorio del nostro Comune;
  • riteniamo che nei doveri istituzionali e’ altresì inusuale e senza stile alcuno tirare per la giacca o cercare di coinvolgere chicchessia in qualunque polemica;
  • e come tutte le istituzioni procediamo per atti, quindi presidente il nostro impegno di favorire l’ingresso nelle zone adiacenti il ripopolamento per il periodo dedicato alla caccia alla lepre e al cinghiale é sancito nella delibera di consiglio comunale n. 52 del 24/07/2019, pubblicata all’albo pretorio dell’ente

tanto era dovuto per chiarezza e correttezza

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI VETRALLA