Graforubrica. Jessica la Sciamana

loading...

NewTuscia – Cari/e Newtusciani/e, nel percorso della vita si possono fare degli incontri interessanti e nuovi, ne ho avuto uno, essendo curiosa e affascinata da esperienze diverse, ho conosciuto Jessica, sciamana venezuelana.

Mi ha colpito la sua firma complessa quanto ricca di simboli. Vediamola insieme.

Trattasi di una grafia incomprensibile, sopraelevata, chiusa in un doppio cerchio con volute, con curve anellate, ma anche con angoli e uncini, nonché legata e sviluppata in alto e in basso con una buona zona media e con un tratto che presenta delle inchiostrazioni: una donna forte, energica, attiva, non si risparmia nel proprio “dono”, ma allo stesso tempo si protegge. Ha carattere, orgoglio tenace e determinazione. Unica debolezza gli affetti che in qualche modo la fanno soffrire.

Ma valutiamo meglio i simboli che la sua firma estrinseca: la curva anellata “rappresenta” la spina dorsale dove passa la linfa e dove si incunea lo spirito che la stessa accoglie, proteggendosi con i paraffi. Interessante le volute superiori che formano un seno, per lei “nutrimento” dell’altro, e l’utero, ugualmente simbolo “di vita e di procreazione” sia in senso materiale che in senso metaforico. Insomma, sono presenti i simboli della femminilità nella sua firma e lo sono in zona superiore, pertanto al servizio del divino, della creatività e dei principi in cui crede. Una donna votata alla sua missione che protegge con orgoglio e con la volontà e la tenacia di vedervi il successo e la riuscita.

Ogni umano nel suo cammino di vita dovrebbe cercare un contatto con il divino, siamo tanti umani diversi con diversi culti e diverse religioni, l’importante, a mio parere, è cercarlo con fede e nel nome dell’amore.

Io credo in Cristo e nel suo messaggio, pertanto vi saluto con una sua frase: “va, la tua fede ti ha salvato”. Homo spe erectus.