A Bagnoregio una pagina di storia firmata da Nicola Piovani

loading...

Gaetano Alaimo

NewTuscia – BAGNOREGIO – Il maestro Nicola Piovani, premio Oscar per la colonna sonora del film di Roberto Benigni “La vita è bella” ha incantato Bagnoregio ieri sera chiudendo la terza edizione di Civita Cinema e scrivendo una pagina di storia per il paese della Teverina.

Due ore ininterrotte di spettacolo in piazza Cavour, ripercorrendo le colonne sonore dei film più belli in cui il premio Oscar ha espresso il suo estro ma anche riproposizioni liriche secondo il “Piovani pensiero” e pezzi di cantautori storici come Fabrizio De Andrè realizzati dopo uno stretto connubio artistico. Il tutto passando per il sodalizio con Roberto Benigni e Vincenzo Cerami e, tornando indietro nel tempo, con attori del calibro di Marcello Mastroianni “che non era un cantante perfetto ma con Caminito, canzone nazionale in Argentina”, arrivò alla sua benedizione anche nella musica.

Perfetta l’organizzazione delle terza edizione di Civita Cinema di Vaniel Maestosi e Glauco Almonte che, in sinergia con il Comune di Bagnoregio ed il sindaco Luca Profili, hanno dimostrato che se i progetti culturali sono di qualità non solo si attengono i fondi necessari agli eventi, sia pubblici che privati (Civita Cinema è risultato il primo nella graduatoria dei festival culturali ammessi a finanziamento dalla Regione Lazio ed ha confermato partner come Italiana Assicurazioni) ma si irradia un percorso che porta benessere per tutta la comunità locale in termini di indotto e ritorno per chi lavora a Bagnoregio.

Il concerto di Nicola Piovani ha avuto per filo conduttore “La musica è pericolosa”. Lo slogan lo ha spiegato magistralmente lo stesso musicista corchianese di adozione: “La musica  fa innamorare ma rappresenta momenti di vita anche rischiosi e nefasti: vedete il mito delle Sirene, il canto soave di esse è sia celestiale per attirare i naviganti ma, poi, nefasto perché tutti i malcapitati venivano uccisi”. Un modo diretto e chiaro, così com’è lo stile di Nicola Piovani, di parlare della musica, che accompagna la vita di ciascuno di noi sia nei bei momenti che in quelli negativi.

Quindi il Piovani uomo. Un musicista contemporaneo che ha avuto collaborazioni con nomi del calibro di Federico Fellini e Mario Monicelli. Piovani ha raccontato le curiosità di questi due maestri, grandi nella loro arte ma diversi nell’approccio per la scelta della colonna sonora dei propri film. “Monicelli era rapido – dice Nicola Piovani – ascoltava velocemente le proposte di colonne sonore e, poco dopo, dava il suo placet andandosene. Con Federico Fellini era esattamente l’opposto: provavamo continuamente e, quando iniziavi a parlarci, sapevi quando iniziavi ma non quando finivi”.

Due ore di concerto senza sosta. Alla fine il premio di Civita Cinema e l’abbraccio del sindaco di Bagnoregio Luca Profili e del vice Francesco Bigiotti ma, soprattutto, delle migliaia di persone stipate in ogni ordine di posto per acclamarlo.

Per Bagnoregio una pagina di storia firmata Nicola Piovani.

Civita Cinema chiude alla grande e merito anche ai 30 volontari locali che, insieme alle decine di sponsor, hanno permesso questa terza edizione.