“Raccontare San Giuliano, tra Etruschi e Medioevo: il fascino delle rovine oggi”

loading...

Barbarano Romano. “Raccontare San Giuliano, tra Etruschi e Medioevo: il fascino delle rovine oggi”. Un racconto itinerante di Antonello Ricci. Appuntamento domenica 23 giugno ore 9.30 in località Caiolo

NewTuscia – BARBARANO ROMANO – Riceviamo e pubblichiamo. Percorreremo i sentieri del parco “Marturanum”, immergendoci nella sua pittoresca quintessenza, tra forra e bosco, tra pianoro e rovine, inseguendo queste riflessioni-suggestioni del grande antropologo francese Marc Augé: “Contemplare rovine non equivale a fare un viaggio nella storia, ma a fare esperienza del tempo, del tempo puro. Riguardo al passato, la storia è troppo ricca, troppo molteplice e troppo profonda per ridursi al segno di pietra che ne è emerso, oggetto perduto come quelli ritrovati dagli archeologi che scavano le loro fette di spazio-tempo. Riguardo al presente, l’emozione è di ordine estetico, ma lo spettacolo della natura vi si combina con quello delle vestigia. Ci accade di contemplare dei paesaggi e di ricavarne una sensazione di felicità tanto vaga quanto intensa.” (Da “Rovine e macerie. Il senso del tempo”, 2003.)

Appuntamento domenica 23 giugno alle 9.30: parco regionale “Marturanum”, area attrezzata “Caiolo” strada comunale delle Quercete km 3,500 circa (Barbarano Romano).

Durata 2 ore circa. Si consigliano calzature adeguate e cappellino.

Partecipazione libera. Info sull’iniziativa: 0761-414507.

Possibilità di usufruire dei servizi del punto ristoro “La Casina di Caiolo” (Contattare Vittorio: 3393752893.)

L’appuntamento rientra nel calendario “L’estate delle meraviglie” promosso dalla Regione Lazio.