Giunto al traguardo TRA-SPORT-ABILE, il torneo inclusivo del Cardarelli di Tarquinia

NewTuscia – TARQUINIA – Fedele al suo spirito innovatore, l’Istituto “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia ha realizzato molte iniziative nuove ed originali durante l’anno scolastico 2018/2019, ormai quasi al temine. Dovendo fare un bilancio, andrebbero annoverate attività come il PON Sperimentalmente, il progetto in collaborazione col Telefono Rosa,  i gemellaggi con una scuola superiore di Creta, la realizzazione di un Vademecum DSA insieme alle scuole del territorio, il corso di robotica … solo per citarne alcuni.

Un bilancio più che positivo, insomma. Ma tra le varie novità ce n’è una che ha saputo coinvolgere ed appassionare docenti e studenti, che hanno dovuto fare squadra (letteralmente) per arrivare fino in fondo. Si tratta di Tra-Sport-Abile, il torneo inclusivo del Cardarelli, ideato dalla proff.ssa Tiziana Civitelli e organizzato dalla Commissione Inclusione dell’Istituto, sotto la supervisione tecnica della prof.ssa di Scienze Motorie, Maria Pia Ciotola. I giochi sono iniziati a gennaio e vi hanno preso parte ben 21 squadre, per un totale di 105 partecipanti, tra insegnanti ed alunni, che si sono sfidati, in quattro giornate, nelle discipline della corsa, del bowling, del lancio di aeroplanini, delle bocce e del tiro alla fune.  Ogni volta una gran festa, con tanto di supporters.

Il 6 Giugno durante una bella mattinata finalmente estiva, è stata disputata la finalissima. A conclusione dei giochi, i rappresentanti di istituto, Valeria La Rosa, Gabriele Bellini e Giuseppe Cataldi, un po’ emozionati,  hanno incoronato le tre squadre più veloci, più forti e più abili. I vincitori di questa prima edizioni sono risultati essere i TEAM WORK (3AA), primi classificati, i MONSTERS(1CS) , secondi classificati e il TEAM ‘MBRIACHI(5AA&4AP), terzi classificati. A loro sono andati i premi offerti dagli sponsor dell’iniziativa, il ristorante “Il Girardengo” di Tarquinia, il ristorante “L’Angolo dell’Arrosticino” di Tarquinia Lido e il ristorante “NamoRistobottega” sempre di Tarquinia. Non c’è dubbio che gli atleti avranno modo di riacquistare tutte le energie dopo le fatiche del torneo!

Il Dirigente Scolastico Laura Piroli si complimenta con gli organizzatori: “Questo torneo è nato come una sperimentazione, quasi una scommessa lanciatami dalla Commissione Inclusione della scuola. – conclude -Ha avuto un grande successo e soprattutto ha consentito di mettere in pratica concetti come quello del fair play e del lavoro di squadra, che sono valori fondamentali. Siamo pronti ad una seconda edizione, ma più in grande, che magari possa accogliere anche gli studenti degli istituti comprensivi del territorio. D’altra parte Tra-Sport-Abile è per prima cosa un torneo inclusivo e quindi c’è posto davvero per tutti”.

Il pensiero torna ancora per un po’ ai giovani vincitori e a tutti gli altri partecipanti di Tra-Sport-Abile. È una bella immagine ed una lezione di equità, inclusione e resilienza, valori radicati all’Istituto Cardarelli ma perseguiti in modi sempre  nuovi ed originali. Come solo un innovatore sa fare.