Festa dell’Arma dei Carabinieri, stamattina la cerimonia

NewTuscia – VITERBO – Si è svolta, alla presenza delle massime autorità politiche, civili, militari e religiose cittadine e provinciali, la celebrazione per i 205 dalla fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

E’ stato il Comandante Generale Giovanni Nistri, ieri, nel corso della Festa dell’Arma dei Carabinieri, a ribadire le parole di Sergio Mattarella: la dedizione, la tutela della società e la compattezza morale e sociale di questi uomini e donne hanno consentito di raggiungere molti traguardi.

Gli ha fatto eco a Viterbo il colonnello Palma, comandante provinciale dei carabinieri, che ha evidenziato alcuni tra i più importanti risultati ottenuti, come l’arresto di Michael Pang, l’assassino di Norveo Fedeli, e l’operazione Erostato che ha portato a sbaragliare una neo organizzazione di stampo mafioso nel viterbese.

E non mancano poi i numeri, si parla degli interventi effettuati dalle 69 caserme distribuite nel viterbese e di come si sia arrivati a raggiungere la quota di 11213 interventi, rispondendo mediamente al giorno ad una chiamata ogni sei minuti. Rapine scese, così come i furti (10%), 71 kg di droga sequestrati e 1600 piante requisite. Sono solo i successi più plateali; non va dimenticata l’attività svolta sulle strade tra il controllo dei veicoli e delle persone.

Alla cerimonia erano presenti anche le scuole Vanni e Canevari.

Ma il momento più toccante e che ha messo in evidenza la profonda umanità dell’Arma è stato un ricordo, l’estremo saluto tributato ad un collega e amico venuto a mancare a 49 anni, Ivano Dei, che dimostra come questo corpo sia una famiglia in cui ognuno svolge il suo ruolo e trova un proprio posto.

Momenti toccanti, quindi, ieri, per l’Arma dei Carabinieri, sempre al servizio dei cittadini viterbesi.