Giornata di studi “Il 2 giugno nella storia e nelle memorie civili”

loading...

NewTuscia – VITERBO – Con il patrocinio della Fondazione Carivit che ospiterà l’evento presso la Sala delle Assemblee di Palazzo Brugiotti in via Cavour 67 a Viterbo e con la partecipazione degli studenti del Liceo Classico Mariano Buratti, l’iniziativa si svolge nell’ambito del progetto «2 giugno 1946. Nascita, storie e memorie della Repubblica», promosso dalla Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea (SISSCO) e sostenuto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale (2017 – 2020).

La giornata di studi dedicata a “La nostra Repubblica. Il 2 giugno nella storia e nelle memorie civili” guarda con attenzione alle sensibilità e istanze di conoscenza proprie della Public History, facendo della Repubblica e dei suoi caratteri democratici un rinnovato oggetto di narrazioni e linguaggi, capaci di interessare e sensibilizzare un’ampia sfera di cittadini, studenti e insegnanti, ricercatori e studiosi.

L’appuntamento del 29 maggio 2019 prevede infatti una ricca mattinata di interventi di docenti e ricercatori dell’università della Tuscia e dell’università di Salerno, con un contributo speciale degli studenti del VBe VD del Liceo Buratti: Maurizio Ridolfi, coordinatore e responsabile scientifico del progetto “Il 2 giugno”, aprirà i lavori con un intervento sulle “Storie e le memorie della Repubblica nel “vissuto” degli Italiani e delle Italiane”; seguiranno Agnese Bertolotti, Raffaello Doro e Sante Cruciani dell’Università della Tuscia, con delle ricerche sul particolare caso viterbese, sulla campagna referendaria e sulle visite dei Presidenti della Repubblica a Viterbo. Previsto anche un contributo anche di Marcello Ravveduto, dell’Università di Salerno, che rifletterà sulla toponomastica e le memorie della Repubblica.

A concludere la mattinata di studio sarà il lavoro di una rappresentanza degli studenti del liceo Classico e Linguistico Mariano Buratti, che rifletteranno sui valori della Repubblica grazie ad un lavoro nato dal laboratorio didattico “Le celebrazioni del 2 giugno e l’immaginario repubblicano nella Tuscia”.