Le mura di Viterbo, da opera di difesa ad attrattore turistico

loading...

NewTuscia – VITERBO – Le mura di Viterbo: da opera di difesa ad attrattore turistico. Una cintura di pietra di oltre 3000 metri. Se ne parla giovedì 16 maggio, alle ore 15, nella sala Regia di Palazzo dei Priori, in occasione dell’incontro organizzato e promosso dall’assessorato al centro storico del Comune di Viterbo in collaborazione con l’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori di Viterbo e provincia.

Tra i relatori anche la soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio dell’area metropolitana di Roma, della provincia di Viterbo e dell’Etruria meridionale Margherita Eichberg, che si soffermerà sui cenni storici e sulle possibili prospettive di valorizzazione delle mura di Viterbo. Su tale argomento è incentrato anche l’intervento del funzionario della stessa soprintendenza Federica Cerroni. Ancora dalla soprintendenza l’archeologa Maria Letizia Arancio, che affronterà il tema Archeologia a Viterbo. Renzo Chiovelli, docente Sapienza – Università di Roma, parlerà della cinta muraria di Viterbo, dal programma di recupero, al restauro, alla valorizzazione. Previsto un dibattito conclusivo al termine degli interventi. L’incontro sarà aperto dai saluti istituzionali del sindaco Giovanni Maria Arena, dell’assessore ai lavori pubblici e al centro storico Laura Allegrini e della presidente dell’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori Silvia Laurenti.