Viterbese, dopo la Coppa c’è voglia anche di serie B

Maurizio Fiorani

NewTuscia- VITERBO – Passata la sbornia e l’euforia per il successo conseguito dai gialloblù nella finale di Coppa Italia di serie C  con il Monza, ora la squadra del patron Piero Camilli ha la mente rivolta agli ottavi dei Play-Off.
I gialloblù sono riusciti ad acciuffare questa traguardo grazie ad una rete del difensore centrale Atanasov in pieno recupero al 92°, quando tutto sembrava essere ormai compromesso, il tutto tra la gioia dei numerosi tifosi della Viterbese, che hanno sostenuto in massa la squadra in questa difficile sfida. Un successo sofferto ma meritato da parte dei ragazzi di Mr. Pino Rigoli, neotecnico chiamato a sostituire Mr.Antonio Calabro, esonerato prima della trasferta di Catanzaro in questo delicato momento della stagione proprio alla vigilia della finale di Coppa Italia .

Il Patron Piero Camilli festeggia  la vittoria della Coppa Italia insieme ai sui figli Vincenzo e Luciano

Ma per  analizzare in modo obiettivo  questa stagione sportiva 2018/2019,  che passerà alla storia come una delle annate più travagliate del calcio italiano,  bisogna fare un passo indietro e ripercorrere a ritroso nel tempo le cause e le motivazioni  che hanno portato a questa stagione sportiva a dir poco anomala.

In primis la lunga querelle che ha visto contrapporsi la Lega professionisti di Serie C e molti club come Entella Chiavari, Ternana, Pro Vercelli, Novara, Catania e Viterbese-Castrense. Le prime 5 società avevano presentato ricorso per essere ripescate in serie B, mentre la Viterbese-Castrense del Patron Piero Camilli, che aveva contestato l’inserimento nel girone meridionale dei gialloblù, aveva chiesto invano di rimanere nel girone A, dove era stata inserita nelle precedenti stagioni al posto dell’Entella, che aveva  chiesto a sua volta il reintegro in serie B. Una questione spinosa, che ha comportato una serie di ricorsi  e quindi lo slittamento dell’inizio del campionato dei gialloblù al mese di novembre scorso.

Un avvio di stagione quindi ritardato, che ha visto la Viterbese costretta ad iniziare in notevole affanno il proprio campionato e che ha  costretto a recuperare molte partite di campionato, senza contare gli impegni di Coppa Italia.

La premiazione della squadra gialloblù e la consegna della Coppa Italia alla squadra Viterbese

A pagare in prima persona per il rendimento inizialmente non eccellente della squadra è stato prima Mr.Giovanni Lopez, che dopo due sconfitte consecutive in casa con il Rieti 1-0 e con il Sicula Leonzio 2-1 è stato avvicendato con Mr. Stefano Sottili, che dopo un avvio difficile aveva rimesso in carreggiata la squadra. La pesante sconfitta in casa per 4-0 ad opera della Juve Stabia capolista, poi vincitrice del torneo e promossa in serie B, ha portato quindi all’esonero anche di Sottili ed all’ingaggio di Mr.Antonio Calabro, che aveva riportato la squadra gialloblù in zona play-off al sesto posto in classifica.

Quando le cose sembravano volgere al meglio è arrivato il prevedibile calo fisiologico e ben 5 sconfitte consecutive di cui 4 in campionato e quella nella partita d’andata nella finale di Coppa Italia con il Monza allo stadio Brianteo.

La società gialloblù, vista l’impossibilità di arrivare in una posizione per i play-off ha puntato tutto sulla Coppa Italia, ha mandato a giocare le ultime due gare di campionato in trasferta a Catanzaro e con la Paganese una formazione imbottita di giovani e di seconde linee, arrivando alla fine della stagione regolare al 12° in graduatoria e quindi fuori dai play-off.

La Curva Nord dello stadio Rocchi gremita di tifosi è stato il vero dodicesimo uomo in campo 

L’impiego della formazione giovanile nel finale del campionato è stato uno dei motivi di contrasto acceso tra la società ed il tecnico Mr.Calabro, che ha portato alla rottura ed al conseguente esonero dell’allenatore pugliese.

Con questo successo la Viterbese in un solo colpo conquista l’accesso agli ottavi di finale dei Play-Off, saltando i turni eliminatori a gironi, questo permetterà ai ragazzi di Mr.Pino Rigoli di poter rifiatare e preparare con cura il rush finale di stagione.

Per quanto concerne il Monza, uscito sconfitto dalla finale di Coppa Italia, pur arrivando 5° nella regular reason, domani sarà subito in campo impegnato nel primo turno dei play-off con la Fermana ad eliminazione diretta.

Ora i gialloblù hanno il destino nelle loro mani e confidano nella dea bendata dei sorteggi che si svolgeranno il 16 maggio prossimo alla Lega calcio di Serie C a Firenze con gare che si svolgeranno il 19 maggio l’andata ed il 22 il ritorno.

IL TABELLONE DELLE PARTITE PLAY-OFF DEL 12 MAGGIO 1° TURNO ELIMINATORIO

GIRONE A
SIENA-NOVARA
CARRARESE-PRO PATRIA
PRO VERCELLI-ALESSANDRIA

GIRONE B
MONZA-FERMANA
SUD TIROL-SAMBENEDETTESE
RAVENNA-VICENZA

GIRONE C
POTENZA-RENDE
FRANCAVILLA-CASERTANA
REGGINA-MONOPOLI