Michael Pang, visita degli ambasciatori americani

NewTuscia – VITERBO – Michael Aaron Pang, una delegazione dell’ambasciata degli Stati Uniti a Roma ha fatto visita al 22enne di origini coreane in carcere da una settimana per l’omicidio di Norveo fedeli. Dopo essersi trattenuti per alcune ore e verificato le condizioni del loro connazionale in isolamento, i diplomatici hanno chiesto di essere aggiornati sugli sviluppi del processo.

Presente alla visita anche l’avvocato del giovane, Remigio Sicilia, che nel frattempo ha chiesto una perizia per accertare lo stato di salute del cliente.

Nella famiglia di Norveo Fedeli intanto si aspetta una nuova nascita, la nipotina del commerciante dovrebbe venire alla luce proprio in questi giorni di lutto. Le motivazioni del delitto che adombrano il lieto evento non sono ancora state del tutto chiarite, così come rimane il dubbio su cosa abbia spinto Pang ad entrare più volte nel negozio di abbigliamento.

L’atto omicida, secondo gli inquirenti, è stato scatenato dalla rabbia dell’imputato nel constare l’impossibilità di saldare il conto di 600 euro con il negoziante, mentre per la difesa un raptus di rabbia per difendersi da un’aggressione dello stesso Fedeli.