Spettacolo teatro integrato Eta Beta Asl: corsa al biglietto

NewTuscia – VITERBO – Sale l’attesa e al curiosità per lo spettacolo che domani sera, 11 maggio al Teatro dell’Unione, sarà messo in scena come atto conclusivo del laboratorio teatrale integrato U.O.C. Tsmree Asl Viterbo ed Eta Beta Viterbo, con la cooperativa sociale Gli anni in tasca, coordinati dalla dottoressa Annalisa Pieri insieme a Chiara Ricci.

A dirigere il gruppo di attori ne “Il minotauro, una storia tra sogno e fiducia, per osare a disegnare un futuro” è Sandro Nardi, da giovedì impegnato nelle prove con i ragazzi.

Ancora una volta il laboratorio dimostrarà l’importanza e soprattutto l’efficacia dell’integrazione sociosanitaria, specie quando si parla di arte.

Quest’anno poi, la figura del Minotauro, l’innocente colpevole, funge da reo perfetto per essere isolato in quanto diverso, costretto a pagare per essere l’unico nel suo genere. Come sottolineato dallo stesso regista, lo spettacolo si basa proprio sul destino di ciascuno, che non sta scritto da nessuna parte ma si forma giorno per giorno e si risolve misurandosi con se tsessi e con il confronto con gli altri.

Sul palco saranno protagonisti: Andrea Bozzi, Lorenzo Bracone, Lavinia Calisti, Miranda Capocecera, Silvano Carpinelli, Michele Donati, Beatrice Guitarrini, Linda Ibra, Samantha La Rosa, Luca Mecorio, Daniele Paccosi, Matteo Ridolfi, Sara Selvi, Chiara Ricci; regia e scenografia Sandro Nardi; aiuto regia e costumi Amanda Mallia, trucco acconciature Elisa Di Pietro Paolo; light designer Filip Marocchi Stas Terni.

L’appuntamento è quindi per l’11 maggio dalle 21, al Teatro dell’Unione, con il patrocino del Comune di Viterbo, assessorato ai servizi sociali, che ha inserito la serata nel Festival del volontariato.

Gli ultimi biglietti disponibili, per un teatro che si avvia verso il sold-out, sono in vendita al botteghino del teatro.