Peppino Impastato: a Viterbo il ricordo del suo sacrificio

NewTuscia  – VITERBO – Giovedì 9 maggio 2019, alle ore 17,00, presso il parco Robinson, situato in via Alessandro Volta a Viterbo, sarà ricordato il sacrificio del giovane militante antimafia siciliano.

I rappresentanti delle istituzioni e i cittadini sono invitati a partecipare.

Giuseppe Impastato, meglio noto come Peppino, nasce a Cinisi (Palermo) il 5 gennaio 1948. Giornalista e attivista italiano, membro del partito Democrazia Proletaria, è il fondatore di Radio Aut, emittente libera attraverso cui denuncia le attività di Cosa Nostra.

Per la sua militanza è assassinato la notte tra l’8 e il 9 maggio 1978. Il suo corpo torturato e dilaniato dal tritolo viene ritrovato sui binari della linea ferroviaria Palermo-Trapani.

Per la sua morte sono condannati due mafiosi: Vito Palazzolo a 30 anni di reclusione e Gaetano Badalamenti all’ergastolo.

Peppino Impastato è oggi simbolo di di coraggio contro l’omertà, di libertà di pensiero e azione rispetto al clima opprimente e violento mafioso, di lotta per la giustizia e denuncia del malaffare.

La “cultura” mafiosa continua ad esistere e a compenetrare la società, per cui oggi più che mai è necessario non dimenticare chi, come lui, ha sacrificato la propria vita in nome di un ideale di giustizia e far si che i giovani conoscano la sua storia di vita esemplare.

Maria Immordino – Associazione “Solidarietà Cittadina”