Bilancio Regione Lazio: approvate modifiche finanziarie a leggi regionali

loading...

di Simone Stefanini Conti 

NewTuscia – ROMA – E’ stata recentemente approvata dal Consiglio regionale del Lazio  la legge PL 116, che grazie al lavoro svolto in Commissione Bilancio e in Aula, interviene su alcune materie di carattere finanziario e introduce modifiche ad alcune  leggi regionali. Dai contributi ai comuni alla valorizzazione del patrimonio culturale e al sociale. Ecco le materie di intervento delle Legge :

CONTRIBUTI AI COMUNI. Si rende più efficace l’utilizzo del fondo che la Regione ha creato per sostenere i Comuni in condizioni di grave squilibrio finanziario evitando sovrapposizioni con la normativa statale di riferimento (Testo unico degli enti locali – TUEL). Il Fondo viene incrementato di 1 milione di euro per le annualità 2019 e 2020.

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE E CONTRIBUTI PER LE DIMORE STORICHE E PER LO SPETTACOLO DAL VIVO. Sono previsti interventi per immobili e beni culturali pubblici attraverso Programmi unitari di valorizzazione territoriale (PUVAT) in attuazione della norma nazionale. Si mette in campo una strategia comune per mettere in rete tutti gli immobili pubblici. Rivivono monumenti e palazzi storici sul territorio attraverso accordi con i Comuni con l’obiettivo di un riutilizzo funzionale e della rigenerazione degli immobili di proprietà della Regione e degli enti territoriali coinvolti. Si prevede l’istituzione di due appositi fondi per un totale di 1,2 milioni per ciascuna annualità del triennio 2019-2021.  Viene incrementato di 500mila euro il fondo per la valorizzazione di dimore, ville, complessi architettonici, parchi e giardini di valore storico culturale. È, inoltre, incrementato di 650mila euro il fondo per lo spettacolo dal vivo, che finanzia le qualificate manifestazioni dei nostri comuni..

RATEIZZAZIONE DEBITI TRIBUTARI ED EXTRA TRIBUTARI. Nell’ottica di un generale efficientamento della spesa del “Gruppo Regione Lazio” si estende agli enti strumentali, alle società controllate e alle società partecipate la possibilità di rateizzare i debiti nei confronti della Regione, secondo un piano finanziario ventennale a rate annuali costanti. Per i soggetti che sono interessati da processi di razionalizzazione delle spese ovvero da processi di risanamento economico-finanziario, il pagamento può decorrere dal quarto anno successivo alla data di autorizzazione del pagamento in forma rateizzata.

TRIBUTI E SANZIONI AMMINISTRATIVE. In particolare, si includono anche i veicoli ad alimentazione elettrica e quelli ad alimentazione ibrida tra le tipologie di veicoli per i quali i soggetti diversamente abili possono ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica regionale.

CONTRIBUTO PER FACILITARE L’ACCESSO IN SPIAGGIA DEI DISABILI. E’ previsto un contributo ai comuni costieri e lacuali per l’acquisto di apposite carrozzine o sedie mare per lo spostamento in spiaggia e in acqua di persone con disabilità. I fondi stanziati a tal fine sono pari a 450.000 mila euro nel triennio 2019-2021.

CONTRASTO VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Nell’ambito della legge a sostegno delle donne che hanno subito violenze, si prevede un contributo regionale annuo pari a 50mila euro e la stipula di una convenzione tra la Regione e gli ordini degli avvocati del Lazio per un patrocinio legale.

FIGURA DEL CAREGIVER. Si interviene sulla figura del caregiver, quale componente della rete di assistenza alla persona e risorsa del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della regione. Viene demandato alla Giunta regionale il compito stabilire criteri e modalità per la valutazione dell’esperienza maturata come caregiver, ai fini dell’accesso ai percorsi formativi finalizzati all’acquisizione della qualifica di operatore socio sanitario o di altre figure del repertorio regionale relative all’area socio-sanitaria.

COMUNI VALLE ANIENE. Si proroga, per il triennio 2019-2021, il trasferimento diretto ai Comuni delle risorse finanziarie destinate alla tutela e allo sviluppo socio-economico ed occupazionale della Valle dell’Aniene (1,15 MLN per il 2019; 1,1 MLN per il 2020 e per il 2021). Una quota di tali risorse, pari a 150mila euro per il 2019 e a 250mila per ciascuna annualità 2020 e 2021, è destinata quale contributo a fondo perduto alle imprese con sede nella valle dell’Aniene.

CONTRIBUTI PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA DEI CONSUMATORI. Sono aumentati ciascuno per 100.000 euro per le annualità 2020 e 2021 il contributo per la cooperazione allo sviluppo, per la cooperazione e la solidarietà internazionale nonché il Fondo per la tutela dei consumatori.

MISURE IN FAVORE DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO. Viene istituita e disciplinata la Consulta regionale sulla cooperazione sociale, quale organo consultivo permanente con la finalità di favorire il raccordo tra le politiche regionali e il ruolo svolto dalla cooperazione sociale in materia socio sanitaria, educativa ed inserimento lavorativo delle persone in condizione di svantaggio. Per l’affidamento di contratti di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria da parte della Regione, degli enti dipendenti, delle aziende e degli enti del servizio sanitario regionale vengono previste: una riserva a favore di cooperative sociali che si occupano della gestione di attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate ed una specifica clausola sociale di inserimento lavorativo per la tutela dei soggetti in condizioni di svantaggio.

ATCL ASSOCIAZIONE TEATRALE COMUNI DEL LAZIO . È prevista la partecipazione quale socio della Regione Lazio in A.T.C.L.

CONTRATTI DERIVATI RIDUZIONE. Sono state autorizzate le variazioni di bilancio necessarie per completare il percorso di estinzione anticipata del contratto derivato cod. MF06D, sottoscritto dalla Regione nel 2004 e  che, alla luce della peculiare struttura finanziaria, ha comportato negli ultimi anni un sensibile aggravio degli oneri finanziari a carico della Regione. L’estinzione anticipata di tale contratto derivato, finanziata attraverso i risparmi conseguiti dalla Regione per effetto della ristrutturazione di alcuni mutui sottoscritti con Cassa Depositi e Prestiti, determinerà, per la Regione, due importanti risultati:

-la prosecuzione del percorso di estinzione anticipata dei contratti derivati sottoscritti dalla Regione. Il portafoglio di contratti derivati a carico dell’Ente, che al 31/12/2012 ammontava a 2.800,2 milioni di euro, si attesta oggi in un valore pari a 269,1 milioni di euro, con una riduzione pari al 90,4%;
-l’estinzione anticipata del contratto derivato determina un risparmio medio annuo, nel triennio 2019-2021, di circa 9 milioni di euro ed ulteriori benefici a carico del bilancio regionale fino al 2033.