Cultural-mente, incontro con l’autore: Sergio Rizzo a San Sisto con il suo libro “La notte che uscimmo dall’euro”

loading...

NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Venerdì tre maggio alle ore 18:00, presso la Sala San Sisto a Montalto di Castro, l’autorevole firma di Repubblica incontrerà i suoi lettori presentando il suo ultimo libro “02.02.2020 La notte che uscimmo dall’euro”.

Fantapolitica? Da un primo approccio potrebbe sembrare di si, se non fosse che alcune pagine di questo saggio, uscito a settembre 2018, abbiano poi trovato certezza già dai primi mesi di quest’anno.
Un’occasione, quella di venerdì, per confrontarsi su temi di politica attuale insieme al vicedirettore di Repubblica che, con il suo garbo e il suo spessore, conquisterà sicuramente i presenti.
“2 febbraio 2020: è tutto pronto, il grafico incisore che ha avuto dal ministro dell’Economia l’incarico di disegnare le banconote della Nuova Lira ha finito, il punto di verde è perfetto. Verranno messe in circolazione a partire dalla

Cultural-mente, incontro con l’autore: Sergio Rizzo a San Sisto con il suo libro “La notte che uscimmo dall’euro”

mezzanotte. In ossequio al credo popolare sono stati abbandonati i poeti, gli artisti e gli scienziati: al loro posto le immagini degli eroi popolari e i martiri del governo sovranista. Il governo è in carica da un anno e mezzo, e ormai la maggioranza è costituita da un partito unico, il PSI – Partito Sovranista Italiano – frutto della fusione fra Lega, M5S, Fratelli d’Italia più spezzoni di Forza Italia e della sinistra. Per tener fede alle promesse elettorali il PSI ha scassato i conti pubblici. Così non c’era altro da fare che andare fino in fondo: uscire dall’euro mettendo in atto il piano B. Intanto la speculazione internazionale si stava già preparando e le corazzate finanziarie erano pronte ad affossare la borsa italiana. Così, la mattina del 3 febbraio, la borsa di Milano apre in calo del 14 per cento. I titoli bancari sono sotto del 30 per cento. Le banche hanno chiuso i bancomat, la fuga di capitali è immediata e imponente. L’inflazione comincia a galoppare, al ritmo del 4 per cento alla settimana. I tassi d’interesse esplodono, le imprese indebitate dichiarano bancarotta, i mutui vanno alle stelle. Il potere d’acquisto dei salari si riduce del 70 per cento nel primo mese. Il paese è in ginocchio. L’Italia sembra uscita da un’altra guerra mondiale e il debito pubblico ha fatto default. Si deve fare un decreto per vendere i monumenti agli stranieri. I cinesi comprano il Colosseo per 100 miliardi di euro, la Fontana di Trevi per 10 e tutte le opere della Galleria Borghese per 25. Gli americani acquistano in blocco gli Uffizi per 200 miliardi di dollari. I russi si prendono Pompei in cambio merce: le forniture di gas e petrolio all’Italia per venticinque anni. Ma l’impeto sovranista non si placa”.