Libri, in uscita L’alba del XXI secolo di Roberto Rapaccini

NewTuscia – TERNI – Riceviamo e pubblichiamo.

NOME AUTORE: Roberto Rapaccini

L’ALBA DEL XXI SECOLO Riflessioni all’inizio del Terzo Millennio Raffaele Federici

ISBN:

978-88-6786-220-7

PREZZO:

€ 12,00

All’alba del XXI secolo è necessaria un’approfondita riflessione sull’Europa, sulle prospettive del sogno comunitario, sui rapporti fra terrorismo e società civile, sulla minaccia terroristica di matrice fondamentalista, sulla mappa dell’Islam, sulle relazioni fra Stati islamici e democrazia, sull’islamizzazione dell’Africa, sul conflitto fra Israeliani e Palestinesi.

Roberto Rapaccini è stato funzionario del Ministero dell’Interno, occupandosi prevalentemente di sicurezza e di problematiche comunitarie. Dal 2000 al 2002 ha lavorato a Bruxelles presso la Commissione Europea come esperto nazionale distaccato per gli aspetti della cooperazione di polizia relativi alla lotta al terrorismo, al traffico illecito di armi e per le questioni inerenti la prevenzione e l’ordine pubblico.

Ha collaborato in Spagna (1992), negli USA (1994), nel Regno Unito (1996), in Francia (1997 e 1998), e nei Paesi Bassi (2000) con le rispettive autorità istituzionali nazionali per la predisposizione di misure di sicurezza per alcuni eventi di particolare rilevanza.

È stato Capodelegazione Italiano a Strasburgo nel Comitato contro la violenza nello Sport del Consiglio d’Europa. Ha svolto attività di docenza anche all’estero. Nel 1987 è stato vicedirettore dell’Istituto carcerario di Udine. Dal 2005 per gravi motivi di salute ha cessato la sua attività professionale. In proposito così scrive Franco Giustinelli nella Prefazione del libro ‘Paura dell’Islam. Il travisamento della cultura islamica nella genesi del terrorismo’ (Cittadella Editrice, Assisi, 2012): “..In un volume di recente pubblicazione (Emanuele Marotta, La cooperazione internazionale di giustizia e polizia, Bonanno Editore, Acireale-Roma 2011) il curatore, docente dall’anno accademico 2004/2005 del corso di Procedura penale italiana e comparata per la cooperazione internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nonché Direttore della Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia, rivolge un grazie affettuoso e profondo a Roberto Rapaccini, col quale aveva impostato il canovaccio originario di quel libro, prima che egli fosse costretto a dedicare tutte le sue energie a un più alto obiettivo: primum vivere. Nello stesso testo Rapaccini è presente anche con un contributo sulla cooperazione in materia d’ordine pubblico. In quelle due parole di Emanuele Marotta, primum vivere è riassunto tutto il dramma di un giovane e valoroso funzionario che, d’un tratto, deve lasciare ogni impegno professionale e ogni interesse artistico – faceva parte del Gruppo Iride di Terni – per dedicarsi alla lotta più dura.

Lontano il ricordo degli anni trascorsi a Bruxelles, Parigi, Londra, negli Stati Uniti e in tanti altri luoghi di missione, anche come responsabile della sicurezza di grandi eventi internazionali; accantonata la memoria del lavoro fianco a fianco con uomini che hanno fatto la storia recente della polizia italiana, si trattava, per molti aspetti, di ripartire daccapo. Non è stato un percorso facile, quello compiuto da Roberto. Né egli avrebbe potuto farlo senza l’aiuto determinante della sua famiglia. Oggi, ad alcuni anni di distanza, mentre continua la sua battaglia, Roberto ci propone questo saggio breve (Paura dell’Islam, 2012, ndr), ben scritto e denso di contenuti, frutto di una grande curiosità intellettuale e di un rapporto speciale con il computer e il mondo di Internet, grazie ai quali può seguire sia le pubblicazioni in lingua araba, che gestire un “blog” denso di rubriche e di notizie. Paradossalmente, vien da dire che i suoi interessi si siano moltiplicati, che i suoi orizzonti si siano ampliati, grazie a questo miracolo della tecnologia che ti porta l’universo in casa e ti consente, pur nelle condizioni più disagiate, di esprimere la tua soggettività…..”

Collabora con periodici locali e nazionali, scrivendo su temi giuridici e culturali.

Dello stesso autore:

“Paura dell’Islam”, 2012; “Il Pregiudizio Religioso sul Web”, 2013, “Viaggio nella mia vita”, 2014, “Inverno di Rivoluzione. Epistolario telematico” (con Paolo Raffaelli), 2015.

http://robertorapaccini.blogspot.com