I due indagati si difendono: il rapporto era consensuale

loading...

NewTuscia – VITERBO – Era un rapporto consenziente secondo Chiricozzi e Lecci. I giovani dopo due ore di interrogatorio e appoggiati dai legali hanno dato questa versione al Gip Rita Cialoni.

Secondo i legali i video sono esplicativi di quello che è successo e non di ciò che ha portato a quel risultato, delle intenzioni: le lesioni potrebbero essere state provocate dal contatto con il pavimento durante un rapporto consensuale, poi non ci sono segni sul viso. Inoltre la versione della vittima è piuttosto confusa.

In definitiva ci sono anche altre prove, secondo i legali, che dovranno essere visionate.