Ospiti al Panthlon Club Viterbo, Roberta Costantini Simone Ubertazzo

loading...

NewTuscia – VITERBO – Anche a Viterbo città “terragnola” (ma non troppo) esiste lo sport della pallanuoto, cioè proprio quella disciplina sportiva che da oltre mezzo secolo assicura medaglie alle Olimpiadi.

Proprio in passato, proprio nelle città “di terra” questo simpatico sport ha avuto campioni. A Firenze, patria di De Magistris mitico centro boa della Rari Nantes Florentia, oggi allenatore della Nazionale, sono stati vinti 9 Scudetti, una Coppa Italia ed una Coppa delle Coppe.

A Viterbo, quindi, ci sono buone speranze per avere pallanuotisti alla pari con i liguri ed i napoletani e…. fiorentini !

Presso “l’Osteria di Sughero” all’interno del Tennis Club Viterbo, la “rituale” riunione mensile del Panathlon Club di Viterbo ha ospitato chi nella nostra Città ha riscoperto la Pallanuoto. Parliamo quindi di Roberta Costantini Presidente del Nuoto Club di Viterbo e di Simone Ubertazzo tecnico ed allenatore.

A loro si deve la presenza a Viterbo di una squadra di pallanuoto oggi militante in serie D, ma in costante crescita.

Gianpiero Mauretti, Presidente del Comitato regionale Lazio della Federazione Italiana Nuoto, oltre a portare i saluti del Presidente nazionale Barelli che sappiamo impegnato a sbrogliare la matassa della piscina comunale di Viterbo oggi chiusa, ha presentato questa disciplina di squadra simpatica ed accattivante proprio per la rapidità  tecnica del giuoco di cui la scuola italiana è prima nel mondo.

Era presente Gian Paolo Calisti delegato provinciale FIN di Viterbo e Ugo Baldi recentemente nominato delegato provinciale Coni di Viterbo.

Il v. Governatore dell’Area Lazio del Panathlon Club – distretto Italia – avv. Andrea Stefano Marini Balestra (ex pallanuotista), ha suggerito porre durante la prossima stagione estiva nei pressi delle infrastrutture portuali dei nostri laghi di un campo all’aperto di pallanuoto dove accanto a qualche torneo estivo, non manchi la possibilità per qualcuno di provare a giocare al calcio in “acqua” ed iniziare a tirare qualche “palombella” in porta.

Basta un robusto costume da bagno (meglio uno sopra l’altro) e…saper nuotare.

Regole semplici, vince la squadra che fa più gol !

 

P.I. Viterbo