Associazione le Masse: “L’acqua delle terme di San Sisto è un bene comune”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo.

Stamattina alle Pozze di San Sisto una bella mattina di lotta per salvare il Pozzo dalla chiusura.

Un primo risultato è che è stato ricusato il geologo prescelto, perchè era lo stesso della Freetime.

L’altro risultato è che oltre a centinaia di soci, anche il giornalismo locale è arrivato compatto a far eco ad una giusta Lotta.

Il grande risultato è stato che in mezzo a noi c’era il Sindaco del Comune di Viterbo Arena che ha detto ” farò di tutto per riaprire un tavolo di trattativa”. Ben Detto e questo basterebbe a salvare l’acqua.

Anche se potrebbe esserci come a Civitavecchia una gestione diretta dell’amministrazione comunale.

Perchè c’è la forza della ragione e la ragione è la cosa pubblica il Bene Comune..

“questo pozzo delle Masse di San Sisto” e questo Pozzo fu ceduto dalla soc, Terni che fece per l’ENI ente di stato delle ricerche, tanto è che risulta anche nell’atto di compravendita del terreno a Balletti, al quale vengono ceduti i diritti di quel pozzo. L’altro pozzo invece , quello della freetime è recente e privato. Però potrebbero rimanere tutti e due senza intaccare nessun Diritto acquisito, ma l’arroganza capitalistica e del profitto non lo permette.

Purtroppo stamane si è di nuovo reso evidente il volto dell’arroganza palazzinara, perchè nonostante fosse stato ricusato il geologo a fare il sopralluogo, la freetime ha azionato le pompe sottraendo molta più acqua ed essiccando il pozzo delle Masse, così davanti ai giornalisti al Sndaco Arena, che ringrazio della presenza, dimostrando ancora una volta solo arroganza e provocazione.

Per questo invito tutti i soci e i cittadini  a non mollare, la Lotta va avanti!!!

L’ACQUA TERMALE E’ UN BENE COMUNE E GUAI A CHI CE LA TOCCA

Associazione Le Masse di Viterbo