Bracciano, Cantarini (FIADEL): “Dubbi e incongruenze su servizio scuolabus comunale”

loading...

NewTuscia – BRACCIANO – “Vogliamo esprimere tutta la nostra preoccupazione in merito al servizio di scuolabus del Comune di Bracciano, sul quale nutriamo alcune perplessità che auspichiamo il sindaco possa chiarire. L’appalto, oggetto del capitolato, ha la durata di tre anni 3 ed è relativo agli anni scolastici 2016/2017 – 2017/2018 – 2018/2019. Secondo l’accordo, stipulato tra il Municipio e la ditta vincitrice, quest’ultima deve garantire sempre il servizio provvedendo a sostituire i mezzi di trasporto propri o del Comune, nonché il personale ogniqualvolta risulti necessario al corretto espletamento dell’attività. La ditta Appaltatrice, inoltre, è obbligata ad organizzare il servizio con un totale di 9 scuolabus: due di proprietà comunale concessi in comodato d’uso, e sette messi a disposizione dalla azienda stessa. Ed è qui che sorgono i nostri dubbi: corrisponde al vero che la ditta ne utilizzerebbe solo cinque per l’espletamento del servizio?

E’ vero che non verrebbero rispettati gli orari previsti per il recupero dei bimbi da portare a scuola? Il Comune di Bracciano che tipo di contratto e monitoraggio effettua sulla ditta appaltatrice? E ancora: sono effettivamente rispettati tutti i termini previsti dal contratto e dal capitolato d’appalto? Nel caso di inefficienze, è intenzione del Municipio di Bracciano applicare le sanzioni previste o procedere con la revoca del contratto d’appalto? Queste le domande che attendono concreta e immediata risposta da parte dall’amministrazione di Bracciano. Non vorremmo, infatti, che il sindaco non avesse il controllo delle società che lavorano in appalto, soprattutto del servizio di scuolabus. Servizio pagato dai cittadini di Bracciano che giustamente pretendono prestazioni pubbliche trasparenti e di qualità. Noi della Fiadel rimaniamo a disposizione del sindaco per un eventuale incontro”.

Così, in una nota, il dirigente regionale del Sindacato Fiadel, Stefano Cantarini.