Il Consiglio comunale di Acquapendente approva all’unanimità il piano economico finanziario e le tariffe 2019 sulla TARI

Il sindaco di Acquapendente, Angelo Ghinassi

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – Il Consiglio comunale di Acquapendente approva all’unanimità il piano economico finanziario e le tariffe 2019 sulla tassa rifiuti (TARI).

“La rimodulazione tariffaria”, ha sottolineato il Sindaco Dottor Angelo Ghinassi “tiene conto dei maggiori costi per spese di conferimento presso l’impianto di Ecologia Viterbo a seguito di rideterminazione delle tariffe da parte della Regione Lazio in via retroattiva dal 2019 in ottemperanza alla sentenza della Giustizia Amministrativa e dei costi per il conferimento presso l’impianto di Lodi della frazione organica in attesa dell’apertura dell’impianto di Campomorino da realizzare dalla Comunità Montana Alta Tuscia Laziale con finanziamento regionale.

Solo il trasposta costa € 76,12 a tonnellata mentre la spesa per Viterbo è aumentata da € 130,43 a € 165,57 a tonnellata e occorre tenere conto delle obbligatorietà di copertura dei costi al 100 % con la tariffa”. Il Consigliere Glauco Clementucci ha chiosato circa “l’importanza strategica del nuovo impianto di Campomorino e dell’obbligatorietà di conformarsi alle sentenze della Giustizia Amministrativa”.