Montalto. Luca Argentero in “È questa la vita che sognavo da bambino”

NwTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Luca Argentero sabato 9 marzo, alle 21, salirà sul palcoscenico del teatro Lea Padovani con lo spettacolo “È questa la vita che sognavo da bambino”. L’artista racconta le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie, che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina. Raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.

Luisin Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani.

Luisin Malabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera, il ciclista che nel primo Giro d’Italia dopo la guerra si accorse per caso che arrivare ultimo, in una Italia devastata come quella del ’46, faceva simpatia alla gente: riceveva salami, formaggi e olio come regali di solidarietà. Automaticamente attirò anche l’attenzione di alcuni sponsor, fino a farlo guadagnare di più l’arrivare ultimo che tentare la vittoria. In poco tempo è arrivata anche la popolarità. In lui le persone hanno riconosciuto l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano. Ma insieme alla polarità, sono arrivati nuovi sfidanti, in una incredibile corsa a chi arriva ultimo.

Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide con la roccia, il clima e la montagna, arrivato a oltre ottomila metri d’altezza, quasi sulla cima di una delle montagne più difficili da scalare del mondo, il K2, scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo, è l’uomo stesso. Eppure, la grande delusione del K2 lo ha spinto ancora più in là, a mettersi alla prova in nuove sfide in solitaria, nuove scalate impossibili e infine a viaggiare in tutto il mondo. Tutto ciò per trovare la cosa più importante della vita: sé stesso.

Alberto Tomba, il campione olimpico che ha fermato il Festival di San Remo con le sue vittorie.

L’insolito sciatore bolognese che con la sua leggerezza nella vita e aggressività sulla pista è arrivato a essere conosciuto in tutto il mondo come “Tomba la bomba”. Uno dei più grandi campioni della storia dello sci, ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione, incarnando la rinascita italiana, forse illusoria ma sicuramente spensierata, degli anni’80.

Tre storie completamente diverse l’una dall’altra, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica, essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi.

Per info e biglietti: teatro comunale Lea Padovani 0766/870115

6 pensieri riguardo “Montalto. Luca Argentero in “È questa la vita che sognavo da bambino”

  • 10 Maggio 2019 in 22:06
    Permalink

    Heya! I just wanted to ask if you ever have any trouble with
    hackers? My last blog (wordpress) was hacked and I ended
    up losing a few months of hard work due to no back up.
    Do you have any methods to stop hackers?

    Risposta
  • 11 Maggio 2019 in 13:00
    Permalink

    What a material of un-ambiguity and preserveness of valuable know-how about unpredicted feelings.

    Risposta
  • 30 Maggio 2019 in 16:50
    Permalink

    I don’t even know how I finished up right here, but I believed this put up was once great.
    I do not know who you’re however definitely you’re going to a famous blogger if you happen to are
    not already. Cheers!

    Risposta
  • 5 Giugno 2019 in 2:59
    Permalink

    I take pleasure in, cause I found just what I used
    to be taking a look for. You’ve ended my 4 day lengthy hunt!

    God Bless you man. Have a nice day. Bye

    Risposta
  • 6 Giugno 2019 in 0:16
    Permalink

    I’m gone to say to my little brother, that he should also visit this blog on regular basis to
    take updated from newest information.

    Risposta
  • 6 Giugno 2019 in 19:39
    Permalink

    Exceptional post but I was wanting to know if you could
    write a litte more on this subject? I’d be very grateful if you could elaborate a little bit further.
    Thanks!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *