Biblioteca consorziale, “Dalla riscoperta del genius loci alle pratiche filosofiche”

NewTuscia – VITERBO – Appuntamento (giovedì 7 marzo), ore 17, alla Biblioteca consorziale di Viterbo per il secondo incontro sul ciclo di conferenze intitolato: “Dalla riscoperta del genius loci alle pratiche filosofiche”.

Dopo aver discusso del “senso e significato della rinascita odierna della filosofia”, questa volta sarà la “didattica della filosofia e partica filosofica” la tematica su cui verterà la discussione: modelli di insegnamento, quali possono essere le principali metodologie, quali strumenti possono essere idonei per la formazione e la conseguente trasmissione del sapere filosofico.

Una vera e propria lezione, che sarà argomentata per questa occasione dal professore Giovanni Antonio Locanto, docente di filosofia e storia presso l’istituto Superiore “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia nonché consulente filosofico e membro della Società Filosofica Italiana. Autore di diverse pubblicazioni, il professore Locanto oltre che sulla didattica, si concentrerà anche su alcune pratiche filosofiche utili all’insegnamento, e su quelle che sono state le proprie esperienze formative al riguardo.

E’ molto importante apprendere nel miglior modo possibile queste pratiche – spiega il professore Locanto -. Una preparazione idonea, totalitaria, aiuta sia il docente ma soprattutto lo studente, chiamato ad avvicinarsi ad una materia che va spiegata nella maniera più chiara e semplice possibile, e che può aiutare molto anche nel capire il senso della vita”.

L’evento si svolgerà all’interno della sala di proiezione Roberto Rossellini, ormai diventata casa degli incontri culturali della biblioteca in attesa che siano ultimati i lavori nella nuova sala conferenze “Vincenzo Cardarelli.

Ingresso, Viale Trento 18/e