Omicidio – suicidio in Thailandia, viterbese uccide la moglie poi si taglia le vene

NewTuscia – VITERBO – Lo sfondo è quello della cittadina thailandese di Nonthaburi, dove il 55enne Stefano Brizioli risiedeva da circa un anno insieme alla moglie Kusuma di 42 anni.

Brizioli, originario di Viterbo, ha lasciato una lettera prima di soffocare la moglie con un cuscino per poi tagliarsi le vene e pugnalarsi con coltello. Nessun segno di lotta nella casa della sorella di Kusuma, dove la coppia viveva dal momento del matrimonio; la sola cosa fuori posto era una una lettera scritta in italiano dall’uomo che nel viterbese era conosciuto come lavoratore in una ditta di forniture alimentari.

A darne la notizia è la nipote di lei, via social, apprendendo la notizia dai suoi familiari. Alla base della terribile vicenda ci sarebbero problemi economici, sembrerebbe.

Ma il gesto rimane tuttavia incomprensibile  per quanti conoscessero i due, solo nell’ultimo post di San Valentino si leggeva sul profilo di Facebook di Stefano, “I love my wife”.