Lega Civita Castellana, presentata una interrogazione in merito all’approvazione di una bozza di convenzione con ATAC

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Il sottoscritto consigliere comunale della Lega Carlo Angeletti ha presentato in data 18.02.2019 prot. 5417, una interrogazione in merito all’approvazione di una bozza di convenzione con ATAC spa, da parte della giunta (201/2018) in cui metteva in risalto che in tale bozza aveva individuato delle criticità che andavano a penalizzare l’amministrazione e precisamente nell’art. 8 della stessa, che così recita:

Civita Castellana

“Qualora il RICHIEDENTE Ente gestore della strada non dovesse eseguire i lavori di manutenzione di propria competenza e da tale inadempienza si dovesse presumere il verificarsi di danni ai manufatti e/o all’esercizio ferroviario, Atac SpA potrà prescrivere la pronta esecuzione dei lavori stessi. In caso di inadempienza nei termini indicati, Atac SpA potrà eseguire direttamente i lavori che il RICHIEDENTE Ente gestore della strada, sin d’ora, si obbliga senza eccezioni né riserve a rimborsare le spese sostenute maggiorate del 25% a titolo di penale, salvo maggiori oneri per eventuali sospensioni del Servizio Ferroviario Ogni onere che derivasse a Atac SpA in dipendenza della mancata manutenzione posta a carico dell’Ente gestore della strada, compresa la necessaria sorveglianza da parte del personale ferroviario a ciò preposto che fosse ritenuta necessaria ad esclusivo giudizio di Atac SpA, sarà rimborsato di volta in volta dall’Ente gestore della strada medesimo, maggiorate del 25% a titolo di penale.”

A questo proposito faceva presente che la sottoscrizione di tale articolo esponeva il comune di Civita Castellana ad ottemperare a qualsiasi pretesa dell’ATAC, non essendo riportati nell’articolo i criteri e le procedure che autorizzano l’ATAC ad intervenire e soprattutto a giudicare l’effettiva necessità di eseguire qualsiasi lavoro di manutenzione.

E a questo fine chiedeva al fine di evitare un possibile danno erariale se l’amministrazione fosse intenzionata a modificare la convenzione in oggetto in modo da rendere più equo il rapporto di diritti – doveri tra l’Amministrazione e l’ATAC .

Ebbene l’ineffabile signor sindaco Angelelli ha prontamente risposto, dandomi sostanzialmente ragione, poiché dice testualmente che quanto da me messo in evidenza era stato sollevato e contestato all’ATAC spa, ma che purtroppo quelli dell’ATAC  sono dei cattivoni e quell’art. 8 non l’hanno voluto proprio modificare e gli attuali amministratori perciò si sono dovuti piegare alla volontà della società.

Così nei prossimi anni il comune di Civita Castellana sarà costretto ad ottemperare a qualsiasi pretesa dell’ATAC, non essendo riportati nell’articolo 8 della convenzione, i criteri e le procedure che autorizzano la società ad intervenire e soprattutto a giudicare l’effettiva necessità di eseguire qualsiasi lavoro di manutenzione.

Ben fatto signor sindaco, i cittadini di Civita ringraziano e soprattutto la nuova amministrazione che andrà ad insediarsi a primavera, con un’altra pesante spada di Damocle sulle già asfittiche finanze comunali. E tutto questo per colpa di una inscusabile superficialità, approssimazione faciloneria del fare politica che da dieci anni caratterizza la sua amministrazione.

 

Il Consigliere Comunale della Lega Civita Castellana

Carlo Angeletti