Il Comune di Sutri: “Vettori, solo chi è senza peccato può scagliare la prima pietra…”

loading...

NewTuscia – SUTRI – Solo chi è senza peccato può scagliare la prima pietra. Purtroppo, però, è vizio che troppo spesso si ripete quello di scagliare il primo sasso pur essendo nel peccato. Così chi vive nell’ombra di una grande visione ha necessità di urlare parecchio per far sentire la propria debole voce, per uscire al sole, anche solo del confronto, come accade con il signor Vettori Alessio, consigliere comunale, con il Movimento Popolare 2.0, nome altisonante di una cricca di amici al bar che voleva cambiare il mondo ma, come dice un noto motivetto satirico, finirà per cambiare bar e tutti gli amici, le amiche e la già pronta candidata sindaco, convinti che il bene di Sutri sia fermo a loro. A loro cosa?

Convinti che il bene di Sutri sia un tiro al bersaglio all’Amministrazione, – come nel caso di Vettori, prima votata, sostenuta, sponsorizzata, con faccia, nome, cognome e poi rinnegata, azione non così consueta in altri consigli comunali -, subdolo, meramente propagandistico, demagogico. Una caccia all’uomo. Una caccia all’uomo che però non è sinonimo di candore, di purezza, di capacità amministrativa. Chi oggi non fa altro che risplendere di luce non propria, chi oggi non fa altro che essere ombra che cerca luce, dando addosso all’Amministrazione comunale, ieri, quando era amministratore, come si è comportato? Il signor Vettori vorrà forse ricordare ai sutrini quanti sprechi inutili di denaro pubblico avvennero quando egli ricopriva la carica di consigliere? Quando, come delegato alle Politiche Giovanili, fece spendere al Comune più di 10.000 Euro di soldi pubblici, anche delle tasse dei sutrini, per i campi estivi comunali per soli 5 bambini? Questa la tanto decantata virtù di chi prima sostiene Sgarbi, poi, vedendosi fuori dai giochi, rinnega i sorrisi di gomma fatti in campagna elettorale? Con quale faccia, poi, si va a parlare di cambiamento, si pretende la fiducia popolare?

Con quale faccia si va scagliando la prima pietra? Come chi è già pronta per la pseudo candidatura a sindaco, ma che nella passata amministrazione, secondo un accordo firmato in cui ogni assessore, sindaco compreso, versava circa il 30% del proprio compenso in un fondo per interventi sociali, “dimenticò” di offrire la sua parte, secondo il piano previsto, corrispondente a circa 5500 euro, del Movimento Popolare 2.0 sembra sempre più una guerra personale contro Vittorio Sgarbi e l’Amministrazione da esso presieduta, non un normale confronto amministrativo. E perché, cittadini, quando accendete la TV, siete sempre più schifati nell’ascoltare di inutili guerre personali politiche, magari a livello nazionale, e non dovreste esserlo per quelle che avvengono a Sutri, nella vostra comunità? Cosa c’è di diverso? L’Amministrazione Sgarbi si è insediata da pochi mesi. E vista la figura del sindaco che la conduce, ci vorrà tempo affinché possa aggiustare il tiro, seppur finora, abbia dimostrato palesemente di avere una marcia neanche lontanamente paragonabile alla piccola gestione, con vista sulla provincia, che il signor Vettori, e la pseudo candidata sindaca del Movimento Popolare 2.0 possano esprimere anche sforzandosi per vent’anni. Loro che hanno avuto la possibilità di cambiare la città, governandola in passato. Ma non l’hanno fatto, se non con una consueta gestione di provincia, fatta di piccoli atti e piccole visioni utili più a far politica per poter splendere nel paese, per potersi garantire ancora il consenso, per poter garantire gli interessi del proprio gruppo, che per cambiare . E adesso costoro strillerebbero su Facebook, come le oche del Campidoglio, la necessità di cambiare rispetto alle scelte dell’Amministrazione Sgarbi, che le cose non vanno bene? Potevano pensarci loro. Peccato non l’abbiano fatto. Probabilmente perché incapaci a farlo, schiavi di una mentalità limitata. che non cambia le comunità, le gestisce in un lasso di tempo e nel lungo periodo le affossa, le condanna alla crisi eterna, all’estinzione. l’Amministrazione Comunale