Guidonia, Righini e Pozzi (FDI) sul Centro diurno per disabili a rischio chiusura: “La regione faccia il suo”

loading...
NewTuscia – GUIDONIA – È finito in Regione, tramite il “question time” del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Righini, il caso del Centro diurno per disabili di Villalba di Guidonia, su cui pende lo spettro della chiusura, avviata dal Comune di Guidonia Montecelio per mancanza di autorizzazioni. Righini ha presentato un’interrogazione urgente affinché anche la Regione possa adoperarsi per scongiurare l’interruzione dell’assistenza, portata avanti da oltre venti anni di onorato servizio a sostegno della disabilità dall’associazione “Cieli Azzurri”.
“Senza concedere alcun termine di poter sanare la situazione ed adoperarsi per rimuovere le cause, é stata elevata una multa di 8300 euro e disposta la chiusura per irregolarità amministrative. Di fronte ad una onlus che conduce in maniera esemplare la propria attività le istituzioni sembrano non saper garantire la salvaguardia dell’assistenza ai disabili. Le istituzioni – ha ribadito Righini – dovrebbero essere al fianco delle associazioni che lavorano, invece ci ritroviamo di fronte al classico esempio di una burocrazia che soffoca l’impegno di chi fa volontariato nel campo della disabilità”.
Della questione si é attivamente occupato anche Mario Pozzi, portavoce di Fratelli d’Italia a Guidonia:  “Colpire queste associazioni territoriali – ha premesso – significa colpire gli equilibri virtuosi di una collettività che ancora fatica a riconoscersi come unica. Queste associazioni, che operano da anni sul territorio di Guidonia Montecelio, non rappresentano solo un utilissimo supporto per le persone in difficoltà, ma rappresentano il volto migliore della nostra città, uno spazio associativo che, indipendentemente dalle istituzioni, riesce a dare certezze e soluzioni ai nostri concittadini più in difficoltà. Tutelare e sostenere queste strutture – ha concluso Pozzi – significa in primis metterle nella condizione di fare bene il proprio lavoro”.